in

Un raro NFT ‘alieno’ è stato venduto per ben 605 ETH, ovvero oltre 850.000$!

Il mercato dei token non fungibili (NFT) continua a ottenere risultati impressionanti: un token CryptoPunks “alieno”, molto raro, è stato venduto sabato scorso per 605 Ether, cifra equivalente a circa 850.000$.

CryptoPunks viene generalmente considerato il primissimo progetto NFT, dato che sono stati rilasciati persino prima dei CryptoKitties, che pure ebbero il merito di spingere il mondo dei non-fungible token verso la consapevolezza mainstream. Gli sviluppatori di CryptoPunks, Larva Labs, riferiscono che i “punk” hanno generato un volume di vendite complessivo pari a 26 milioni di dollari: nell’ultimo anno, il prezzo medio di vendita dei punk è stato di 6.199$.

Ogni punk ha attributi unici, come il colore dello sfondo, gli accessori, e anche alcune caratteristiche ultra-rare, come un aspetto “alieno” o “zombie”. Il punk venduto oggi, #2890, è uno dei nove punk alieni esistenti:

“Il punk 2890 è stato acquistato per 605 ETH da 0x24c5eb da 0x6611fe.”

L’asta per accaparrarsi il prezioso punk è stata molto accesa per tutta la scorsa settimana, tanto che anche la whale DeFi 0x_b1 aveva fatto un’offerta da 500 ETH. Il punk in questione era stato venduto l’ultima volta nel luglio del 2017 per 8 ETH, il che significa che il proprietario ha ottenuto un ritorno di 75x sul suo investimento.  

I nuovi proprietari sono un gruppo di investitori che includono FlamingoDAO, che si autodefinisce “un collettivo che supporta e colleziona NFT premium“. L’account Twitter ufficiale di FlamingoDAO ha confermato l’acquisto con un meme: 

Un portavoce di Flamingo ha dichiarato:

“È semplice: CryptoPunks è un progetto innovativo, ha preceduto lo standard ERC 721 e le criptovalute. […] Gli alieni sono la forma più rara di punk, e crediamo che l’alieno acquisito sarà apprezzato dai collezionisti nel tempo e diventerà un pezzo iconico di arte digitale”. 

Il collezionista di crypto-arte @gmoneyNFT, che ha acquistato un punk per 140 ETH all’inizio del mese, pensa che l’alieno sia un buon investimento nonostante la valutazione alle stelle:

“Penso che sia stato un ottimo acquisto. Man mano che il mondo si sposta verso il digitale, fare gli ‘spacconi’ in un mondo virtuale sarà sempre più importante. È il modo in cui gli umani operano nel mondo fisico. Non cambierà nel regno digitale”.

Nonostante siano a lungo stati considerati un caso d’uso secondario per la tecnologia blockchain, vendite come questa dimostrano che gli NFT stanno appena iniziando a mostrare il proprio potenziale. NBA Topshot, un progetto di highlight da collezione di Dapper Labs, si è dimostrato essere molto popolare; anche le creature di Axie Infinity sono state vendute a prezzi notevoli recentemente.

Alcuni commentatori hanno criticato i prezzi altissimi raggiunti dagli NFT più rari, sostenendo che la semplice scarsità digitale non è una motivazione solida per giustificare una vendita da 750.000$.

@gmoneyNFT respinge queste critiche, affermando che esistono molti casi analoghi del mondo reale che hanno altrettanto, o meno, senso:

“Perché qualcuno dovrebbe pagare milioni di dollari per una serigrafia originale di Andy Warhol quando si può comprare la stessa online per 20$? Perché qualcuno dovrebbe comprare un paio di Yeezy per 300$ quando si può comprare un falso dalla stessa fabbrica, fatto con gli stessi materiali per molto meno? Agli esseri umani piace sentirsi speciali, la provenienza ha un valore.”



Source link

il governo dà la colpa al mining di Bitcoin

Investimenti in bitcoin sicuri come quelli in oro