in

Un nuovo studio OCSE ha rilevato enormi differenze nei regimi fiscali crypto a livello internazionale

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha rivelato in uno studio che le leggi in merito alla tassazione delle crypto sono profondamente differenti tra di loro a livello globale.

Fonte: Report OCSE.

La definizione di “asset crypto” varia infatti notevolmente a seconda della giurisdizione: quella più comunemente utilizzata è “strumento o asset finanziario”, seguita da “commodity” o “commodity virtuale”. Negli Stati Uniti, la classe di asset è ancora indefinita dal punto di vista fiscale. 

Fonte: Report OCSE

La medesima divergenza di approccio emerge quando si cerca di determinare quale sia il primo evento imponibile per gli asset crypto ottenuti via mining: in questo caso, la soluzione più utilizzata è quella che prevede di tassare le monete al momento della creazione, anche se alcune nazioni scelgono di considerare invece la prima cessione della valuta. Diverse giurisdizioni applicano regole variabili a seconda che ad essere coinvolto sia una persona fisica o giuridica. 

Il report fa ulteriormente notare che la volatilità intrinseca degli asset crypto presenta problematiche addizionali: 

“Un alto livello di volatilità rende complessa la valutazione dell’asset, sebbene essa sia fondamentale per il calcolo del capitale complessivo e delle plusvalenze, e quindi per stabilire le conseguenze fiscali in termini di imposte sul reddito”.

Il documento suggerisce che i decisori politici dovrebbero prendere in considerazione anche l’impatto ambientale delle varie criptovalute:

Il trattamento fiscale dei costi dell’elettricità associati al mining e al protocollo di consenso proof-of-stake, che presenta consumi considerevolmente più bassi rispetto a quello proof-of-work, può quindi avere conseguenze dal punto di vista ambientale, in particolare se i costi dell’inquinamento non vengono scaricati sui prezzi.

La ricerca esorta i legislatori di tutto il mondo a fare maggiore chiarezza in merito alla tassazione degli asset crypto: anche nei casi in cui viene applicato il quadro normativo attualmente esistente, l’OCSE ha suggerito linee guida specifiche per le criptovalute, di modo da “promuovere la chiarezza e la certezza per i contribuenti“. L’Organizzazione ha anche proposto un regime di tassazione semplificata ed esenzioni per le piccole transazioni. 

Source link

Una nuova regolamentazione crypto nell’Isola di Man

Trezor annuncia un nuovo wallet per desktop ‘a prova di phishing’