in

Secondo un sondaggio, gli australiani investono più in crypto che in oro o argento

Un sondaggio su più di 2.000 investitori australiani ha scoperto che, sebbene le criptovalute siano un investimento più popolare rispetto a oro e argento, hanno ancora molta strada da fare per raggiungere le azioni.

Il sondaggio, condotto a febbraio per conto di BTC Markets, ha scoperto che il 12,6% degli investitori australiani possiede Bitcoin o altre criptovalute, rispetto al 12,1% che possiede metalli preziosi. 

Tuttavia, il mercato azionario è di gran lunga l’opzione preferita dagli investitori: il 63,6% possiede azioni direttamente, mentre il 28,8% investe in fondi negoziati in borsa o in fondi gestiti. Un’altra forma di allocazione molto popolare sono le proprietà immobiliari (25,8%), mentre il 18,8% sostiene di aver investito in “oggetti da collezione“. 

Gli investitori crypto australiani favoriscono pesantemente Bitcoin ed Ethereum: l’83,2% detiene Bitcoin, mentre il 42% Ethereum. Seguono Ripple con il 28,5%, Litecoin con il 18% e Bitcoin Cash con il 12%

Lo studio rivela che quasi un terzo degli investitori ha compiuto il suo primo acquisto dopo il crollo del mercato indotto dalla pandemia di COVID-19. Questa ricerca confermerebbe dunque i risultati di un altro sondaggio condotto a ottobre dello scorso anno, secondo il quale il 39% degli intervistati riteneva Bitcoin un asset più attraente dopo l’inizio della pandemia.

Nonostante molte criptovalute abbiano raggiunto massimi storici negli ultimi mesi, il 51% degli investitori australiani ha dichiarato di non avere intenzione di vendere le proprie criptovalute nel prossimo futuro, con il 31% che prevede di uscire dal mercato dopo almeno tre anni. Del 49% che sta cercando di vendere e ottenere profitti veloci, un investitore su cinque ha intenzione di reinvestire il capitale di nuovo in crypto. 

La fascia d’età con più investitori crypto (36,3%) è quella compresa fra i 25 e i 34 anni, seguita dalla fascia 35-44 (30,1%). Gli uomini rappresentano il 63% di tutti gli investitori crypto. Uno su quattro dichiara un reddito di più di 100.000$ all’anno. 

Il CEO di BTC Markets, Caroline Bowler, ha tuttavia sottolineato che un numero crescente di australiani più anziani sta iniziando ad investire in crypto. Gli utenti oltre i 60 anni sono raddoppiati negli ultimi due anni e ora costituiscono il 10% dei clienti:

“Negli ultimi 12 mesi abbiamo visto una diversificazione degli investitori, dai maschi con 25-45 anni verso fasce d’età molto più ampie. In particolare, chi andrà presto in pensione è interessato a diversificare il proprio portfolio, manifestando un crescente interesse in questa classe di asset in rapida crescita.

La ricerca ha restituito risultati ampiamente in linea con altri sondaggi, tra cui uno, svolto a dicembre, che aveva scoperto come nel 2020 un adulto australiano su cinque possedesse crypto.

Source link

Il 6 marzo online un grande evento sulla blockchain

Trader spiega perché Bitcoin sta sovraperformando Ether