in

Secondo l’exchange Kraken, questo mese BTC avrà rendimenti fortemente negativi

Kraken, noto exchange americano, nel suo Volatility Report dell’agosto 2020 prevede che nel mese di settembre Bitcoin (BTC) avrà rendimenti decisamente negativi.

Il report sottolinea che, storicamente, settembre è il mese peggiore per la performance di Bitcoin, con un rendimento medio del -7%. Inoltre il documento evidenzia come, dato che nella maggior parte del 2020 il Bitcoin ha avuto rendimenti inferiori alla media, le prestazioni di settembre potrebbero essere persino peggiori del solito. 

Nonostante le prospettive ribassiste per il breve termine, il report individua alcuni barlumi di speranza, tra cui il fatto che una quantità record di Bitcoin non si sia mossa per più di 12 mesi: Kraken osserva che “storicamente, questa dinamica preannuncia un nuovo bull market“.  

Il report aggiunge che Bitcoin probabilmente subirà delle fluttuazioni notevoli, man mano che i mercati si allontaneranno dal minimo locale di luglio:

In passato, è successo dodici volte che la volatilità annualizzata di Bitcoin abbia subito un calo tra il 15% e il 30% prima di salire, in media, del 140% e tornare a +196% nel giro di 94 giorni. A fine agosto sono passati 38 giorni dal minimo di volatilità del 23% raggiunto il 24 luglio, e al momento essa è salita al 44% ed il prezzo ha guadagnato il 25%. […]

La storia indica che c’è la possibilità concreta che nei mesi a venire BTC registri maggiore volatilità e guadagni.

Kraken osserva inoltre che storicamente la volatilità più bassa si registra a settembre, suggerendo che BTC potrebbe non raggiungere una maggiore instabilità fino al quarto trimestre del 2020.

Tuttavia le indicazioni di Kraken non sono necessariamente affidabili, dato che l’exchange aveva previsto in data 10 agosto un’imminente crescita tra il 50 ed il 200%: in quel momento, il prezzo di Bitcoin oscillava tra gli 11.500$ e i 12.000$, distante appena 500$ dal picco locale che ha innescato il recente crollo del 20%. 

Il report osserva anche che ad agosto la correlazione fra BTC e oro ha raggiunto un massimo storico di 0,97, prima di scendere bruscamente a 0,25. 

Analogamente, il Bitcoin ha avuto un’alta correlazione con lo S&P 500 per gran parte del mese di agosto. Dopo un picco locale di 0,84, la correlazione tra BTC e lo S&P500 è scesa a -0,02, suggerendo che la criptovaluta potrebbe star iniziando ad allontanarsi dai meta-trend dei mercati tradizionali. 

Source link

i giovani preferiscono Bitcoin all’oro

Bitdefender Threat Report 2020: in aumento i ransomware