in

Secondo il fondatore di Cardano, il futuro della DeFi saranno i Paesi in via di sviluppo

Charles Hoskinson prevede che la finanza decentralizzata acquisirà 100 milioni di utenti entro i prossimi tre anni, sfruttando il potenziale di mercato dei Paesi in via di sviluppo. 

In un’intervista esclusiva con Cointelegraph, Hoskinson ha dichiarato:

“Chi contrarrà davvero dei prestiti peer-to-peer? Chi farà effettivamente un’assicurazione peer-to-peer? Chi effettuerà pagamenti peer-to-peer? Beh, lasciate che ve lo dica, non sarà di certo un tizio che vive a New York.” 

Cardano, network crypto decentralizzato fondato da Hoskinson, intende assumere un ruolo guida nello spazio DeFi sviluppando partnership nel continente africano

Secondo Hoskinson, i prodotti DeFi non hanno una base di clienti significativa e il settore non ha alcuna possibilità di guadagnare terreno in occidente, a causa dell’ingombrante quadro normativo. Al contrario, i Paesi in via di sviluppo offrono un quadro normativo molto più flessibile che facilita l’innovazione crypto:

“Non c’è JPMorgan Chase. Non c’è un grande ed onnipresente sistema finanziario ereditato dal passato che domina e controlla tutto. […]

[La DeFi può] creare liquidità per le persone più povere del mondo e permettere loro di costruirsi una ricchezza e di proteggerla. […] Abbiamo costruito Cardano per questo.”

Source link

Il prezzo di Bitcoin sale rapidamente a 31.550$, liquidando 100 milioni di dollari in short

emetteremo una CBDC per contrastare il rischio sistemico delle stablecoin