in

Secondo gli esperti religiosi malesiani, le crypto hanno un ‘enorme potenziale’

Ad appena tre mesi dalla storica decisione che ha chiarito come il trading di asset digitali sia conforme alla legge islamica, le autorità religiose della Malesia guardano con favore agli investimenti crypto.

The Malaysian Reserve ha riportato che il Dr. Modh Daud Bakar, presidente del Consiglio consultivo della Shariah della Security Commission Malaysia (SC), ha affermato che le crypto hanno un grande potenziale, ma la loro adozione nel Paese deve affrontare notevoli ostacoli a causa della mancanza di comprensione di tale classe di asset.

Parlando alla SCxSC Fintech Conference 2020, tenutasi a Kuala Lumpur il 6 ottobre, l’esperto ha affermato che solo il 2% dei malesiani ha una qualche conoscenza delle criptovalute. Bakar ha dichiarato che, poiché le crypto non sono considerate valuta legale ai sensi della legge religiosa, possono essere trattate come una commodity, a condizione che non sia sostenuta da “oggetti ribawi”, vale a dire beni che devono essere scambiati in egual misura come l’oro e l’argento:

“È un mezzo di scambio, e non possiamo impedire alle persone [di usare] le commodities come mezzo di scambio. È la stessa cosa di acquistare un biglietto elettronico o delle materie prime sul mercato.”

Bakar ha inoltre sottolineato:

“[L’accettazione degli asset digitali] può aprire molte opportunità interessanti in Malesia, in cui le crypto possono essere considerate un investimento che la gente compra e detiene per fare trading. Il potenziale di queste valute è enorme, considerato che c’è un’economia digitale in crescita in tutto il mondo”. 

La questione della compatibilità delle crypto con la legge islamica è ancora in discussione, ma nel 2018 un consulente di una società FinTech indonesiana aveva dichiarato che era “generalmente permesso” nella Sharia. Prima di quel parere, il CEO della società, Matthew Martin, aveva detto a Cointelegraph che probabile che le crypto sono più conformi alla legge islamica delle valute fiat, visto che si basano su un algoritmo proof-of-work invece che sul debito.

I Consigli esecutivi della Shariah solitamente sono l’autorità che sovrintende all’attuazione delle leggi islamiche nel funzionamento delle istituzioni finanziarie dei Paesi musulmani. A luglio, il Consiglio della Malesia ha dichiarato che il trading degli asset digitali è permesso dalla Shariah.

Bakar ha dichiarato:

“Questo parere ha aperto la possibilità di sfruttare le crypto come merce o come investimento in una società”. 

Poiché più del 60% degli abitanti nel Paese professa la religione islamica, le aziende crypto hanno l’opportunità di accogliere più trader musulmani nel mondo degli asset digitali. Il Paese attualmente ha autorizzato le operazioni di tre exchange: Luno Malaysia, Tokenize Malaysia e Sinegy Technologies. Binance attualmente non ha la licenza per operare nella nazione asiatica, ma supporta il Ringgit malese. 

Source link

Revolut Business celebra 500.000 clienti con un nuovo look e funzionalità

Un’opera d’arte crypto è stata venduta da Christie’s per 130.000$