in

Secondo alcuni analisti, il calo di Bitcoin a 30.000$ è stato ‘sano e necessario’

L’euforia che aveva investito il mercato delle criptovalute si è placata l’11 gennaio, quando la maggior parte delle altcoin ha visto i propri prezzi calare di oltre il 20%, mentre Bitcoin ha avuto un crollo persino maggiore. 

Dopo essere sceso al di sotto del livello di supporto dei 40.000$, la pressione di vendita su Bitcoin (BTC) è aumentata durante la notte e ha spinto il prezzo della criptovaluta dominante fino a 30.229$ prima che fosse raggiunto un livello di supporto.

Il rapido declino del prezzo ha portato alla liquidazione di contratti future per un valore di oltre 2,7 miliardi di dollari: le candele lunghe sul grafico del prezzo di BTC mostrano che la cascata di cessioni si è verificata rapidamente, quando il prezzo è sceso da 41.000 a 32.229 dollari.

La performance giornaliera del mercato delle criptovalute. Fonte: Coin360

Il proprietario dei Dallas Mavericks, Mark Cuban, ha colto l’occasione per sottolineare come il mercato delle criptovalute è a suo parere identico alla bolla azionaria di internet degli anni ’90. Tuttavia, ritiene che solo Bitcoin, Ether e “poche altre” seguiranno il percorso di Amazon o eBay, e continueranno a vedere le loro valutazioni aumentare.

Alcuni esperti del settore, invece, come il CEO di Celsius Alex Mashinsky, vedono il recente calo come una sana correzione dei prezzi: Mashinsky ha accennato che c’è la possibilità che BTC scenda fino a 16.000$ prima di riprendere il suo cammino verso l’alto.

I mercati tradizionali sentono la pressione 

Anche il settore finanziario tradizionale si è trovato sotto pressione lunedì, poiché la situazione politica negli Stati Uniti continua a generare tensione e incertezza sul futuro del Paese e dell’economia. 

L’S&P 500, il Dow e il NASDAQ hanno chiuso la giornata in rosso, in calo rispettivamente dello 0,66%, dello 0,29% e dell’1,55%, poiché i titoli delle big tech e FAANG hanno raggiunto i livelli più bassi dal 26 novembre. 

Gli analisti dicono che il mercato prima o poi doveva subire una correzione 

Quasi ogni volta che il prezzo di BTC cala di migliaia di dollari, ribassisti e nocoiners escono puntualmente dall’anonimato e decretano la morte di Bitcoin

Considerando che il prezzo di Bitcoin è salito da 17.586 a 41.950$ in meno di un mese, David Lifchitz, CIO di ExoAlpha, vede questo ritiro come una “sana correzione da parte di istituzioni furbe che hanno acquistato BTC da quando era a 20.000$ fino a 30.000$“. 

Lifchitz ha detto al Cointelegraph: 

“La cosa preoccupante non era che il prezzo del Bitcoin stesse salendo, ma la velocità con cui saliva. Da metà dicembre a fine dicembre 2020, l’ampiezza mediana dei movimenti giornalieri del Bitcoin è raddoppiata all’8,1%, poi è quasi raddoppiata di nuovo dal 1° gennaio 2021 al 10 gennaio al 15,3%.

Più grande è questo valore, più alto il numero di scambi che hanno avuto luogo durante la giornata tra acquirenti e venditori. Questa, però, è una sana correzione, necessaria per eliminare l’eccessiva crescita degli ultimi 10 giorni, permettendo a Bitcoin di costruire una nuova base verso i 50.000$ e oltre.”

Alcuni indizi su quali fossero gli elementi trainanti delle recenti fluttuazioni di prezzo possono essere rinvenuti anche attraverso i pattern emersi sui social media. 

Il prezzo di Bitcoin rispetto al sentiment quotidiano. Fonte: TheTIE

Secondo Joshua Frank, CEO e fondatore di TheTie, una piattaforma alternativa di social analytics, la scarsità di post a tema Bitcoin su Twitter a dicembre indica che la crescita del prezzo era guidata da un ristretto numero di grandi investitori

Frank ha detto a Cointelegraph in un messaggio privato: 

“Il 3 gennaio, sia Bitcoin che il volume dei tweet a tema crypto su ha raggiunto il massimo storico. L’interesse degli investitori retail è continuato per tutta la seconda settimana di gennaio e la media mensile delle conversazioni su Twitter su Bitcoin è ora ai massimi storici di gennaio. Non sorprende che questa impennata nell’attività di Twitter abbia corrisposto con un top locale di Bitcoin.”

Grafico giornaliero BTC/USD. Fonte: Coin360

Anche il prezzo di Ether (ETH) è stato colpito duramente dal crollo di ieri, scendendo fino a 914$ prima di trovare supporto. Al momento ETH è in leggera ripresa, scambiato a circa 1.100$. Il market cap complessivo del mercato crypto si attesta ora a 963 miliardi di dollari, mentre dominance di Bitcoin è pari al 68,7%.

Source link

eToro è a corto di criptovalute a causa della ‘domanda senza precedenti’

Revolut mette in guardia su XRP