in

se fosse stata implementata un anno fa, la EIP-1559 avrebbe già distrutto 1 milione di ETH

Se fosse stata implementata, nel corso dell’ultimo anno la controversa Ethereum Improvement Proposal (EIP) 1559 avrebbe distrutto 970.000 Ether (ETH), per un valore totale di 360 milioni di dollari. La EIP-1559 mira a ridurre le commissioni di transazione introducendo tariffe fisse insieme a un meccanismo di burn.

I risultati, basati sui dati forniti da Dune Analytics e pubblicati da Spencer Noon, presidente di DTC Capital, hanno sollevato domande nella comunità di Ethereum, sul motivo per cui la proposta non è ancora stata implementata. L’utente ‘Laur Science’ ha suggerito su Twitter di introdurla nel prossimo hard fork, aggiungendo:

“Speriamo di non perdere altri due anni a discuterne mentre i miner ricevono troppo $ETH e lo vendono per $USD, mantenendo il prezzo di $ETH sotto controllo.”

Quantità cumulativa di ETH bruciati con la EIP-1559. Fonte: Dune Analytics

Anche se l’idea di distruggere commissioni è stata presa in considerazione da tempo, prima ancora del blocco genesi di Ethereum nel 2015, la EIP-1559 è la prima proposta seria a suggerire di integrare il concetto nel codice di Ethereum.

La proposta attuale, suggerita inizialmente nel 2018 da Vitalik Buterin, cambierebbe drasticamente il modo in cui vengono calcolate le commissioni di transazione. La EIP-1559 propone di applicare un costo fisso standard a tutte le transazioni, denominato ‘basefee’. Questa tariffa viene distrutta e l’incentivo per i miner arriva dall’aggiunta di una ‘mancia’ degli utenti oltre al costo standard.

La proposta permette di modificare la basefee per aiutare a mantenere le dimensioni dei blocchi intorno a 10 milioni di gas. Questa iniziativa ha quattro obiettivi strutturali: commissioni prevedibili, blocksize costante, maggiore sicurezza e prevenire l’astrazione economica (il pagamento delle commissioni con altri token).

Dato che la EIP-1559 influenzerà significativamente le modalità in cui i miner guadagnano, ha provocato una resistenza dalla comunità di mining che recentemente sta assistendo a entrate notevoli. Una settimana fa, Messari ha affermato che le commissioni di Ethereum hanno superato quelle di Bitcoin per due mesi di fila, un periodo da record.

Lo stesso giorno, Tim Beiko, sviluppatore di ConsenSys, ha pubblicato i risultati di un sondaggio relativo alla proposta tra 25 team che costruiscono su Ethereum. Il 60% dei partecipanti si è detto a favore, ma otto delle nove aziende di mining contattate hanno dichiarato che respingeranno la proposta se questa verrà implementata come un hard fork.

All’inizio dell’anno, lo sviluppatore principale di Metamask, Dan Finlay, ha espresso preoccupazioni in merito all’affidare ai miner la responsabilità di regolare i parametri della ‘basefee’. Inoltre, Finlay ha suggerito che l’effetto netto della proposta sarebbe “rendere la mancia una sorta di asta a prezzo unico all’interno di ogni blocco che riproduce tutti i problemi del mercato attuale ma con l’ulteriore complessità di questo.

Nick Johnson, sviluppatore di Ethereum Name Service, ha reso noti i suoi timori sulla proposta, dovuti alla “mancanza di un’analisi formale a dimostrazione che 1559 si comporterà come previsto.

A luglio, rispondendo al problema delle commissioni sempre più elevate, Vitalik Buterin ha nuovamente invocato EIP-1559 come la soluzione definitiva.

“Le entrate dai costi di transazione sono ora quasi la metà delle entrate dal block reward. Questo rischia in realtà di rendere Ethereum *meno* sicuro. La riforma al mercato delle commissioni (EIP-1559) risolve questo problema; un’altra ragione per cui questa EIP è importante.”

A meno di un mese dal tweet di Buterin, le commissioni di transazioni totali per Ethereum hanno superato quelle di Bitcoin (BTC), prima di registrare un forte aumento verso nuovi massimi storici.

Questa non è la prima volta che una EIP divide la comunità di Ethereum a causa di obiettivi non allineati. Il mese scorso, anche la EIP-1878, che ridurrebbe del 75% il block reward, è stata fortemente criticata dalla comunità dei miner.



Source link

I migliori 5 Bitcoin explorer

La blockchain rimarrà solo un concept interessante se non concentreremo i nostri sforzi