in

Risk management nelle crypto, ovvero “l’arte di non perdere tutti i propri soldi”

Il risk management è un elemento vitale per il successo dei trader, indipendentemente dal mercato in cui operano. Non importa la dimensione del capitale con cui stai facendo trading o investendo: le perdite saranno inevitabili, in particolare nei mercati altamente volatili come le criptovalute. Imparare a gestire il rischio per minimizzare le perdite è quindi fondamentale.

Tuttavia, è anche necessario padroneggiare la gestione del rischio al fine di garantire i massimi guadagni. Dopo tutto, più si è disposti a rischiare e maggiore sarà la potenziale ricompensa.

Gestione del rischio per prevenire le perdite 

Anche i trader esperti con un’impressionante esperienza nella comprensione del mercato possono perdere tutto in una o due operazioni sbagliate, se non impiegano strumenti adeguati di gestione del rischio o se lasciano che le loro emozioni li influenzino. La tentazione di “fare jackpot” o di inseguire il sentiment del mercato può essere troppo forte, rendendo i trader annebbiati o troppo sicuri di sé. 

Per prevenire perdite devastanti e permettere ai trader di operare a mente fredda, è necessario utilizzare almeno gli strumenti di base del trading e della gestione del rischio. Questi includono l’istituzione di regole di trading, come ordini di mercato, ordini limite e ordini stop-loss, che permettono ai trader di limitare le loro perdite innescando una reazione quando si verificano determinate condizioni

Con questi tipi di meccanismi in atto, i trader possono prendersi una pausa dallo schermo e fare trading con fiducia, sapendo che possono limitare le loro perdite o confermare profitti a un livello accettabile. A quale livello saranno impostati questi fattori dipenderà dalla propensione al rischio dell’investitore e dalla quantità di capitale che è disposto a perdere su una data operazione. 

Un altro modo di gestire il rischio è, naturalmente, la regola d’oro secondo cui bisogna mantenere sempre un portfolio diversificato, distribuito su diversi asset. Questo vi permetterà di ottenere un’esposizione a più attività, coprendo le perdite e assicurandovi che un cattivo investimento non mandi all’aria tutto il vostro capitale. 

Gestione del rischio per massimizzare i guadagni 

Nel 2020, nel mondo delle criptovalute abbiamo assistito ad una crescita astronomica, con guadagni sorprendenti dalla maggior parte delle monete principali. La finanza decentralizzata ha acceso la passione per lo yield farming, mettendo in chiaro che si può guadagnare un interessante reddito passivo tramite asset crypto, oltre ad avviare un intero ecosistema di prestiti e mutui lontano dalla finanza tradizionale. A fronte di un’economia globale in difficoltà a causa della pandemia globale e del rendimento quasi negativo dei risparmi in contanti, gli investitori si stanno rivolgendo in massa alle crypto. 

Abbiamo assistito ad endorsement importantissimi da parte di investitori istituzionali e nomi altisonanti, come MicroStrategy, Guggenheim, PayPal e Square, tutti uniti nel legittimare questa classe di asset e nell’alimentare le fiamme della “FOMO istituzionale”. Bitcoin (BTC) è cresciuto in maniera incredibile, superando di molto il suo precedente massimo grazie a questa azione delle istituzioni. Lo scorso anno, la sola MicroStrategy ha acquistato oltre 70.000 BTC, mostrando un continuo supporto rialzista. 

Mentre l’adozione da parte degli investitori istituzionali cresce, aumenta anche la necessità di modi più sofisticati di gestire il rischio, che vadano oltre gli ordini di mercato di base. Questi dovrebbero permettere ai trader professionali e istituzionali di eseguire strategie altamente flessibili e creative, che distribuiscano il loro rischio su tutti gli asset e amplifichino le potenziali ricompense. 

Fino ad ora, tali prodotti di livello istituzionale per quanto riguarda la gestione del rischio sono rimasti fuori dalla sfera di competenza degli exchange crypto. Tuttavia, se vogliamo rispondere alle esigenze di questa tipologia di investitore, le piattaforme devono fornire l’infrastruttura che le istituzioni richiedono, compresa la capacità di collateralizzare le loro posizioni e gestire il rischio in modo più efficace. 

Migliorare il risk management per ottenere la massima flessibilità di trading 

Attraverso caratteristiche come la gestione unificata del conto (altrimenti nota come Portfolio Margin), i trader possono gestire tutti i loro account, le loro transazioni e i loro crypto asset da un’unica interfaccia. Ma, e ciò è ancora più importante, possono anche unificare tutti i loro asset e fare trading con qualsiasi strumento, usando tutto il loro potere d’acquisto. 

Per esempio, poniamo il caso di un trader che voglia entrare nel mercato dei future ETH/USD. Con un conto unificato, può farlo in modo efficiente senza dover acquistare Ether (ETH) ma semplicemente utilizzando una qualsiasi delle loro criptovalute collaterali esistenti. Questo è molto più comodo per i trader e riduce anche le commissioni associate all’acquisto di altcoin con USDT o BTC. Inoltre, permette loro di assumere un rischio e una posizione molto più grande per amplificare i loro guadagni e migliorare sostanzialmente la margin efficiency.

La gestione del rischio è probabilmente la parte più importante dell’investimento. Se il settore delle criptovalute continuerà a crescere, ad attrarre e mantenere vivo l’interesse dei trader istituzionali, abbiamo bisogno di strumenti avanzati di gestione del rischio che possano massimizzare i guadagni per gli investitori: solo in questo modo i mercati crypto potranno raggiungere una capitalizzazione di decine di migliaia di miliardi di dollari.

Questo articolo non contiene consigli di investimento. Ogni investimento e mossa di trading comporta un rischio, i lettori dovrebbero condurre le proprie personali ricerche quando prendono una decisione. 

I punti di vista, i pensieri e le opinioni espresse nel presente articolo sono ascrivibili esclusivamente all’autore e non riflettono o rappresentano necessariamente i punti di vista e le opinioni di Cointelegraph. 

Jay Hao è un veterano del mondo tech e un esperto leader del settore. Prima di OKEx, si è concentrato su applicazioni blockchain per lo streaming video ed il mobile gaming. Prima di entrare nell’industria della blockchain, aveva già 21 anni di comprovata esperienza nell’industria dei semiconduttori. È anche un leader riconosciuto con esperienze di successo nella gestione dei prodotti. Come CEO di OKEx e convinto sostenitore della tecnologia blockchain, Jay prevede che la tecnologia eliminerà le barriere delle transazioni, eleverà l’efficienza e alla fine avrà un impatto sostanziale sull’economia globale.

Source link

La scadenza da 4 miliardi di dollari in opzioni su Bitcoin favorisce i rialzisti

Le ultime novità in tema "tassazione Bitcoin & Cripto" Ft. Giorgio D'amico