in

Quanto hanno speso i consumatori per l’Amazon Prime Day

L’Amazon Prime Day è una delle giornate di shopping online più importanti dell’anno, visto che l’ecommerce più famoso al mondo offre sconti su diversi prodotti. Ma quanto hanno speso quest’anno gli utenti di Revolut?

Stando ai dati, in Italia, i consumatori hanno speso in media €78 il 13 e €70 il 14 ottobre 2020.

Inoltre, sempre secondo i dati diffusi da Revolut, nell’arco dei due giorni, il picco massimo degli acquisti si è verificato tra le 22 e la mezzanotte del 14 ottobre.  

Se confrontato con l’evento estivo del 2019, che ha visto i consumatori fare acquisti per €82 in media il 15 luglio e €74 il 16 luglio, i dati Revolut di quest’anno mostrano una diminuzione di circa il 5% durante entrambe le giornate dell’Amazon Prime Day.

I consigli di Revolut per l’Amazon Prime Day e lo shopping online

In questa occasione, il team di Revolut ha voluto offrire dei suggerimenti ai propri utenti nel momento in cui vogliano essi fare shopping online.

Prima di tutto è suggerito di usare una carta virtuale: i clienti Revolut possono creare delle carte virtuali con numeri diversi da quelli della carta fisica ma collegata allo stesso account. Questo è doveroso specialmente quando non si conosce il sito in cui si sta facendo shopping in modo da evitare le frodi online.

Con Revolut è anche possibile convertire le valute, utile se gli utenti dovessero per esempio trovare prodotti più economici pagandoli in una valuta differente.

Le ultime novità in casa Revolut

Proprio ieri l’azienda fintech aveva diffuso un altro comunicato stampa annunciando nuove feature per la sua versione Junior, ovvero l’app per gli adolescenti.

La sezione da ieri permette infatti di porsi degli obiettivi in modo che i più piccoli possano avere o darsi dei target da raggiungere e così anche imparare a risparmiare. I

nfatti si possono monitorare i progressi e i genitori possono facilmente finanziare l’obiettivo del bambino spostando il denaro dalla propria app a quella Junior.

 




Source link

Il 44% dei fondi investiti in DeFi è rappresentato da Bitcoin ed Ether

La società blockchain Monerium ritiene che l’Europa ‘abbia già’ un euro digitale