in

Peter Schiff: mi sbagliavo su Bitcoin

Peter Schiff, noto sostenitore dell’oro fortemente critico nei confronti di Bitcoin (BTC), ha ammesso che le sue previsioni si sono rivelate inesatte: il prezzo della criptovaluta non è collassato, mentre quello del metallo prezioso non ha raggiunto nuovi massimi storici.

Su Twitter, Schiff ha discusso con Tyler Winklevoss, cofondatore della piattaforma di trading Gemini, in merito ai recenti movimenti di Bitcoin, il cui prezzo nelle ultime settimane ha superato i 12.000$ per poi scivolare sotto i 10.000$. Sebbene Winklevoss ritenga che 10.000$ rappresenti un supporto molto solido per la criptovaluta, la previsione di Schiff è più ribassista. A suo parere Bitcoin si starebbe consolidando prima di un crash:

“Più a lungo viene testato il supporto a 10.000$, più debole diventa. Raramente i mercati offrono agli investitori così tante possibilità di acquistare al bottom.”

L’utente Sharkybit ha tuttavia risposto pubblicando lo screenshot di una vecchia previsione di Schiff, risalente al 5 luglio, nella quale sosteneva che il prezzo dell’oro sarebbe impennato e quello di BTC significativamente diminuito.

Schiff ha commentato:

“Avevo ragione sull’oro, ma torto su Bitcoin. Quest’ultimo è riuscito a superare la resistenza e a crescere fino a 12.000$, grazie in larga parte all’onda del successo dell’oro e alla pubblicità in TV di Grayscale.

Tuttavia, scivolando a 10.000$, Bitcoin è rapidamente tornato in un mercato ribassista.”

Secondo i dati di Skew Analytics, nell’ultimo mese la correlazione fra oro e Bitcoin ha raggiunto un nuovo valore record del 68%. Al momento della stesura di questo articolo, il prezzo dell’oro è pari a 1.934$ per oncia: il suo valore è diminuito del 7,1% rispetto al 6 agosto, quando raggiunse il massimo storico di 2.089$.

Il prezzo di Bitcoin è invece pari a 10.177$, in negativo di oltre il 15% rispetto al picco di 12.000$ del 2 agosto. Nelle ultime due settimane la correlazione fra i due asset è significativamente diminuita, assestandosi attorno al 20%.

Source: Skew.com

Nonostante la recente contrazione di Bitcoin, le previsioni degli esperti rimangono rialziste. Secondo il noto trader Tone Vays, il prezzo di BTC rimarrà sopra i 10.000$ per il resto del 2020 e raggiungerà i 50.000$ entro la fine del prossimo anno.

Max Keiser, veterano di Wall Street e presentatore della trasmissione televisiva sulla finanza Keiser Report, ha sottolineato come persino Warren Buffett si stia allontanando dal dollaro statunitense: a suo parere questo permetterà a Bitcoin di raggiungere nuovi massimi storici.

L’analista PlanB, ideatore del controverso modello di prezzo Stock-to-Flow, ha invece evidenziato come Bitcoin si sta dirigendo “puntuale come un orologio” verso i 288.000$.



Source link

YouTube oscura un livestream a tema crypto

2gether: continuano i lavori dopo l’hack di luglio