in

ora è la quarta maggiore crypto per market cap

Il mercato crypto sembra aver ripreso il proprio rally: tra i progetti più in crescita c’è sicuramente il token DOT di Polkadot. Secondo i dati del portale Coingecko, DOT ha superato l’XRP di Ripple in termini di market cap, dopo un massiccio guadagno del 26% nelle ultime 24 ore: così facendo, DOT è diventata la quarta maggiore criptovaluta per capitalizzazione di mercato.  

Il token Polkadot è salito da un minimo intraday di poco meno di 11$ a un massimo storico di 14,80$, prima di ritirarsi leggermente intorno ai 14,20$. Come riportato da Coingecko, questo apprezzamento ha gonfiato il suo market cap fino a 13,7 miliardi di dollari. 

L’XRP, che pure nelle ultime 24 ore si è apprezzato leggermente, non è riuscito a raggiungere nuovamente quota 0,30$: il suo market cap, al momento, oscilla intorno ai 13,5 miliardi di dollari.   

Secondo le stime pubblicate dalla stessa piattaforma di Polkadot, il token avrebbe in realtà un cap ancora più alto, pari a circa 14,8 miliardi di dollari, con poco più di un miliardo di token in circolazione. Anche i dati del noto sito di settore Messari sono molto simili a quelli riportati da Polkadot.

L’unico sito che non concorda con questi dati è CoinMarketCap: la piattaforma di proprietà di Binance riporta un supply complessivo di DOT inferiore del 10% rispetto agli altri. CMC ha quotato Polkadot in ritardo rispetto ai suoi competitor, considerato anche che DOT è un concorrente di Ethereum e di Binance Smart Chain. 

Polkadot è essenzialmente un protocollo multi-chain con un certo numero di “parachain” (chiamate “shard” sulla rete Ethereum), basato su una tecnologia propria detta “Substrate”. La piattaforma è completamente interoperabile, permettendo ad altre blockchain di connettersi alla rete come sidechain; peraltro, il protocollo è in grado di processare migliaia di transazioni al secondo: anche questo progetto, come molti altri, si è guadagnato il soprannome di ‘Ethereum killer’. 

Uno degli elementi trainanti del rally potrebbe essere stato il lancio della testnet parachain “Rococo”, andato online alla fine di dicembre. Secondo la community di Polkadot, il progetto sta attirando sempre più partner: 

“Aggiornamento su Rococo V1: 14.01.2021, 1.51 pm (UTC)

 4 parachain e 19 proposte 

Includono: @PhalaNetwork; @ZenlinkPro; @chainx_org; @AcalaNetwork; @CrustNetwork; @Kiltprotocol; @bifrost_finance; @polkaBTC; @encointer; @LaminarProtocol; @clover_finance; @DarwiniaNetwork”

Tra gli altri fattori sottostanti alla crescita di Polkadot bisogna anche citare i continui problemi di scalabilità della rete Ethereum, dovuti principalmente all’improvvisa crescita del settore della finanza decentralizzata.



Source link

Ethereum, il prezzo oltre i 1000 dollari

Un programmatore rischia di perdere 266 milioni di dollari in Bitcoin