in

Opera d’arte crypto legata a Rick and Morty venduta all’asta per 150.000$

Un’opera d’arte crypto creata da Justin Roiland, co-creatore della famosa serie animata Rick and Morty, è stata venduta a un prezzo considerevole sul marketplace di token non fungibili Nifty Gateway.

Denominata “The First Ever Edition Of Rick And Morty Cryptoart,” l’opera tokenizzata è stata venduta tramite un’asta silenziosa per 150.000$. Il 19 gennaio, Nifty Gateway ha annunciato la notizia su Twitter.

“L’opera ‘First Rick and Morty Crypto Art’ di @JustinRoiland è stata venduta per 150.000$ a blanK. Congratulazioni al vincitore e a @JustinRoiland!”

L’opera appena venduta fa parte della collezione d’arte crypto di Roiland chiamata “The Best I Could Do,” che include diversi lavori ispirati alla serie Rick and Morty nonché animazioni ispirate ai Simpson.

Chiamata “The Smintons,” l’opera di Roiland verrà venduta stanotte con la conclusione dell’asta. Al momento della stesura, l’offerta più alta è pari a 188.137$.

La notizia arriva a pochi giorni dall’annuncio da parte di Nifty Gateway sull’asta della collezione di Roiland, rilasciato il 13 gennaio. Sembra che il co-creatore di Rick and Morty sia un early adopter di Bitcoin (BTC), in quanto ha appoggiato pubblicamente la criptovaluta nel 2015.

Appartenente a Gemini, l’exchange di criptovalute dei gemelli Winklevoss, Nifty Gateway è un grande marketplace che agevola diverse vendite di NFT ogni giorno. A dicembre 2020, un NFT a tema Star Wars è stato venduto per 777.777$ sulla piattaforma. In precedenza, Nifty ha venduto all’asta l’NFT “Picasso’s Bull” di Trevor Jones per 55.555$.

Negli ultimi mesi gli NFT crypto hanno acquistato gradualmente slancio, offrendo a noti creatori e artisti nuove opportunità per vendere le proprie opere direttamente ai fan. A fine 2020, Sean Ono Lennon, musicista, cantautore e produttore angloamericano, ha venduto all’asta un’opera d’arte digitale tokenizzata sul marketplace di NFT Rarible.



Source link

Ethereum: in aumento gli indirizzi delle balene

Alcuni Bitcoiner stanno usando il mining per riscaldare le proprie case d’inverno