in

oltre l’80% dei token LINK è controllato da appena 125 wallet

Secondo l’aggregatore di dati del mercato crypto Glassnode, la distribuzione dei token Chainlink (LINK) è fortemente centralizzata: oltre l’80% dei LINK non detenuti negli exchange si trovano attualmente nel Top 1% dei wallet. 

La ricerca di Glassnode ha scoperto che l’81% dei LINK non detenuti in exchange o smart contract è accumulato in soli 125 wallet: inoltre, il numero di token in possesso delle whale di Chainlink sarebbe in costante aumento negli ultimi due anni.

Se si includono i token presenti sugli exchange e negli smart contract, dati esclusi dall’analisi di Glassnode, il grado di centralizzazione della distribuzione dei token appare ancora maggiore: dati di Etherscan indicano che l’82,7% di LINK è detenuto da soli 100 wallet

Tuttavia, Glassnode stima che solo 12.500 di questi address siano realmente attivi, suggerendo che quasi l’83% del supply di LINK risieda in appena l’0,8% dei wallet. 

Le whale di Chainlink sembrano aver accelerato il ritmo di acquisto sin dal luglio 2019: negli ultimi 18 mesi la quota di supply ascrivibile al Top 1% dei titolari di LINK è infatti costantemente aumentata, dal 53% all’81%. 

Con le whale che continuano ad acquistare, nonostante LINK abbia nuovamente raggiunto nuovi massimi storici questo mese, Liesl Eichholz di Glassnode conclude che il “sentimento rialzista” rimane forte tra i trader veterani di Chainlink:

“La continua concentrazione dell’offerta suggerisce che, anche con l’aumento del supply disponibile, i top holders di LINK sono ancora rialzisti e continuano a comprare.”

Le whale di LINK stanno continuando ad acquistare nonostante il core team di Chainlink sembra aver venduto quote significative dei propri token: Glassnode sottolinea, infatti, che negli ultimi 100 giorni ben 52 milioni di LINK sono usciti dai wallet di riserva del team di Chainlink. 

Chainlink si è affermato come l’oracle network più utilizzata nel 2020, assicurandosi partnership di rilievo come quella con Google e Tezos (XTZ).

Il 18 gennaio, Chainlink ha superato Bitcoin Cash, divenendo così l’ottava criptovaluta più grande per market cap.

Source link

Grayscale compra in un solo giorno altri 16.244 Bitcoin

Bitcoin: un messaggio biblico sul blocco 666.666