in

Nonostante i divieti, Binance non intende rinunciare al lancio di Binance Card in Russia

Binance, colosso internazionale delle criptovalute, non rinuncerà a lanciare Binance Card in Russia nonostante l’imminente divieto sui pagamenti crypto.

Secondo quanto riferito da un dirigente a Cointelegraph in data 7 settembre, Binance, il più grande crypto exchange al mondo per volume di scambi giornalieri, sta ancora lavorando al lancio della sua carta di debito crypto in Russia.

Gleb Kostarev, responsabile delle operazioni di Binance per la Russia e la CSI, afferma che il piano di introdurre Binance Card in Russia è in linea con la missione dell’azienda di fornire a tutti gli utenti la “stessa esperienza in piena conformità con le normative locali“.

Tuttavia, Kostarev ha dichiarato che al momento Binance non è pronta ad annunciare una data di lancio:

“Lavoriamo duramente per fornire a tutti gli utenti di Binance la stessa esperienza in piena conformità con le normative locali. La Russia è per noi un mercato importante. Stiamo lavorando al lancio di Binance Card in Russia, ma al momento non siamo in grado di indicare la data esatta di lancio o di fornire un parere legale sull’argomento”.

Annunciata nell’aprile 2020, Binance Card è una carta di debito crypto progettata per consentire i pagamenti in criptovalute come Bitcoin (BTC). Nell’annuncio iniziale del prodotto è possibile leggere: “Con Binance Card, è possibile fare HODLING e spendere solo quello che serve per effettuare un pagamento“.

In previsione del lancio in 200 regioni del mondo, Binance Card ha debuttato ufficialmente nei paesi dello Spazio Economico Europeo nel luglio 2020. Il nuovo prodotto sarà presto disponibile negli Stati Uniti.

Poiché Binance Card rappresenta uno strumento di pagamento crypto, il lancio del prodotto in Russia solleva alcuni interrogativi. Nel luglio 2020, il Presidente russo Vladimir Putin ha approvato la prima legge del paese in materia di criptovalute, che vieta ufficialmente ai residenti di effettuare pagamenti tramite criptovalute.

Secondo Kostarev, la normativa appena approvata “non ha avuto alcun impatto sul business di Binance“; il dirigente sostiene che la legge ‘Sugli Asset Finanziari Digitali’ è “abbastanza neutrale” e non proibisce il trasferimento di beni digitali.

Kostarev ha anche sottolineato che la versione definitiva della legge “non copre completamente tutti gli aspetti della regolamentazione delle criptovalute“. Tuttavia, Binance si aspetta ulteriori minacce per il settore, dato che i regolatori russi stanno pianificando di introdurre un’altra legge in materia e potrebbero modificare la legislazione approvata.

Dopo aver approvato nel luglio 2020 la legge ‘Sugli Asset Finanziari Digitali’, la Russia si prepara a introdurre un’altra normativa, denominata ‘Sulle Valute Digitali’, entro la fine del 2020. Il 3 settembre, il Ministero delle Finanze russo ha proposto una serie di emendamenti che vietano tutte le transazioni crypto, tranne quelle relative alle eredità, ai fallimenti e alle procedure esecutive.

Source link

Alcuni istituti di credito australiani vogliono digitalizzare le garanzie bancarie con blockchain

Bitcoin rischia tornare sotto i 10.000$? Il ‘Trondicator’ potrebbe avere la risposta