in

non abbiamo bisogno dell’aiuto di Hoskinson

Charles Hoskinson, fondatore di Cardano (ADA), si è offerto di aiutare la travagliata comunità di Ethereum Classic (ETC), ma a una condizione: ETC dovrà realizzare un sistema di tesoreria decentralizzato, simile a quello di Cardano e di molti altri progetti blockchain.

Nel caso in cui la community non accetti tali condizioni, ha sottolineato Hoskinson, il suo aiuto sarebbe uno spreco di tempo e denaro:

“Non vale la pena usare il tempo della mia compagnia, o le nostre strategie, per una sovvenzione o per un pagamento una tantum. Se venisse introdotto un sistema di tesoriera, potrei focalizzarmi sulla creazione di software e innovazioni open-source, per poi portare questi prodotti sul mercato ed essere pagato anche rendendo il codice aperto e privo di brevetto.”

Recentemente il network di Ethereum Classic ha subito una serie di attacchi hacker 51%, rendendo incerto il destino del progetto. Hoskinson sottolinea che IOHK, la compagnia che si occupa dello sviluppo di Cardano, ha condotto numerose ricerche nel settore dei sistemi Proof-of-Work e potrebbe pertanto ideare un modo per impedire che tali attacchi si verifichino in futuro.

IOHK ha ad esempio realizzato il sistema Hybrid Proof-of-Work, un protocollo che introduce un meccanismo di checkpoint periodici per prevenire grosse riorganizzazioni del network. Hoskinson sostiene che 15 dipendenti della sua azienda stanno lavorando al progetto, ma di non essere disposto a confermare il suo impegno fino a che la community di Ethereum Classic non accetterà le condizioni.

Nonostante abbia abbandonato il progetto Ethereum per lavorare su Cardano, Hoskinson ritiene che sia un suo obbligo morale aiutare il progetto in difficoltà.

Hoskinson ha comunque sottolineato di essere stato trattato ingiustamente dalla leadership di Ethereum Classic, nonostante abbia più volte contribuito al progetto. Terry Culver, CEO di ETC Labs e ETC Core, ha rilasciato la seguente dichiarazione in risposta all’offerta di Hoskinson:

“In qualità di community open-source e decentralizzata, accogliamo positivamente tutte le idee e apprezziamo il fatto che così tante persone nel mondo blockchain ci abbiano contattato.

Detto questo, non siamo in attesa dell’aiuto di qualcun altro. Siamo un team focalizzato e appassionato di ETC, lavoreremo diligentemente per garantire un futuro luminoso per Ethereum Classic.”

Culver ritiene pertanto che la community di ETC disponga di abbastanza risorse interne per risolvere il problema in maniera autonoma.

Source link

Hacker australiano condannato a 2 anni di prigione per il furto di 100.000 XRP

Una nuova truffa crypto prende di mira i ricchi investitori indiani