in

negli ultimi due mesi abbiamo subito ‘centinaia di migliaia di attacchi’ tramite bot

Negli ultimi due mesi, Paxful, marketplace crypto P2P, è riuscito a difendersi da una lunga serie di attacchi informatici, tra cui 220.000 tentativi di intrusioni tramite bot e diverse truffe condotte attraverso i social media.

Nella medesima finestra temporale, due diversi gruppi hacker sono riusciti a rubare circa 200 milioni di dollari in crypto dall’exchange KuCoin, e 5,4 milioni di dollari da Eterbase.

Paxful sostiene che i malintenzionati hanno provato ad usare dei bot per perpetrare degli attacchi “brute force”, con lo scopo di introdursi negli account degli utenti: 

“I bot, che secondo alcuni report generano circa il 25% del traffico web a livello mondiale, sono programmi che simulano le azioni di un dispositivo reale. Essi rappresentano un serio problema per chi gestisca un e-commerce, dato che i cybercriminali utilizzano i bot per rubare soldi, scoprire le credenziali degli utenti tramite attacchi brute force e mandare in tilt i sistemi con gli attacchi DDoS.”

I lockdown attuati da vari Paesi del mondo hanno fornito ai criminali possibilità irripetibili: basti pensare al gruppetto di adolescenti che è riuscito ad hackerare alcuni account Twitter di personaggi molto noti.

Source link

Gli anonimi sviluppatori di Harvest Finance potrebbero rubare un miliardo di dollari in 12 ore

Il calciatore giapponese Keisuke Honda ha lanciato la propria criptovaluta