in

Mercato crypto, il caso del prezzo di Orchid (OXT)

OXT è il token di Orchid Protocol. Si tratta di un token ERC-20 sulla blockchain di Ethereum, e di recente il prezzo della crypto ha fatto dei notevoli saliscendi. 

L’esordio sui mercati avvenne il 18 dicembre 2019, ovvero meno di un anno fa, ad un prezzo di circa 0,31$. Ora vale 0,29$, ovvero meno di quanto valesse al momento del collocamento, ma nel frattempo è salito e sceso repentinamente almeno due volte. 

La prima ascesa rapida e consistente avvenne nei giorni appena successivi all’esordio sui mercati, visto che due giorni dopo, il 20 dicembre, raggiunse un primo massimo storico a 0,65$, con un incredibile guadagno del 109% in un paio di giorni. 

A quel punto però, dopo qualche giorno su quota 0,60$, crollò una prima volta, fino a scendere a 0,24$ ad inizio marzo 2020. 

Con il crollo dei mercati finanziari di metà marzo il prezzo scese ulteriormente, fino a toccare il punto minimo a 0,13$, per poi stabilizzarsi poco sotto gli 0,20$ nei mesi successivi. 

Dopo cinque mesi di apparente tranquillità, a metà agosto è stato protagonista di un altro incredibile boom. 

Il 14 agosto infatti valeva circa 0,20$, mentre il 16 agosto, due giorni dopo, sfondò la quota di 0,80$, con un nuovo incredibile guadagno superiore al 300%, sempre in un paio di giorni. 

Appena toccata la quota di 0,80$ il prezzo ha iniziato a scendere, tornando a 0,40$ il 28 agosto, per poi risalire a 0,50 il giorno successivo e ridiscendere a 0,31$ il 4 settembre. 

Qualcosa di simile, anche se più in piccolo, è accaduto negli ultimi giorni. 

Il 20 settembre era sceso attorno a 0,27$, ma il giorno successivo era risalito a 0,47$, ovvero un guadagno del 74% in sole 24 ore. 

Appena toccata quota 0,47$ è nuovamente crollato, tornando agli 0,29$ attuali. 

Orchid e l’altalena sui mercati crypto

Insomma, sembra che il prezzo di OXT alterni lunghi periodi di relativa stabilità a brevissimi periodi di estrema volatilità. 

Alla fine però, sul lungo periodo, sta oscillando sempre più o meno attorno al prezzo iniziale di 0,3$. 

Orchid Protocol è un progetto che mira a sfruttare le tecnologie del Web 3.0 per offrire agli utenti una maggiore privacy, nato nel 2017, e che proprio a dicembre 2019 ha lanciato una prima rete incentivata di privacy peer-to-peer. 

Per ottenere ciò ha abilitato una VPN decentralizzata che consente agli utenti di acquistare larghezza di banda da un pool globale di fornitori, grazie al suo utility token OXT. 

È possibile pertanto che la domanda di mercato dei token OXT sia variabile, ed in alcuni specifici momenti possa aumentare parecchio, e molto rapidamente. Questo potrebbe giustificare gli improvvisi rapidi sbalzi di prezzo di questo token.




Source link

Chi ha ricevuto l’airdrop di MEME oggi avrebbe 600.000$!

L’enorme regolazione della difficoltà di ieri avvicina Bitcoin alla ‘spirale mortale’?