in

L’exchange Gemini introduce i prelievi schermati per la privacy coin Zcash

Gemini, un exchange di criptovalute fondato dai gemelli Winklevoss, vuole migliorare la privacy degli utenti con una delle principali privacy coin, Zcash (ZEC).

A partire dal 29 settembre, Gemini supporterà i prelievi schermati di ZEC, permettendo agli utenti di nascondere i dati delle proprie transazioni.

Secondo i rappresentanti di Gemini, la nuova funzione rappresenta “la prima volta che i prelievi schermati di ZEC sono disponibili su un exchange regolamentato.” La nuova opzione si allinea con la missione della piattaforma di rafforzare la privacy finanziaria e “potenziare l’individuo tramite le crypto,” hanno affermato i dirigenti di Gemini.

Lanciata nel 2016, Zcash è una delle principali criptovalute incentrate sulla privacy, che offre agli utenti due livelli di privacy attraverso due tipologie di indirizzi: trasparenti, o t-address, e schermati, o z-address. Al contrario degli indirizzi trasparenti, gli indirizzi schermati di ZEC sono progettati per cifrare e nascondere i dati relativi alla transazione, come mittente, destinatario e importo trasferito.

Gemini ha dichiarato che l’exchange conserverà ZEC in t-address. Per effettuare un prelievo di ZEC schermato, sarà sufficiente trasferire i propri ZEC a uno z-address. Gli utenti dell’exchange possono già depositare ZEC da uno z-address nei loro conti.

Tuttavia, Gemini non ha specificato se l’exchange ha ricevuto un’approvazione speciale dalle autorità competenti per introdurre i prelievi schermati di ZEC. I rappresentanti hanno commentato che la nuova funzione “dimostra che con i controlli adeguati e la formazione necessaria, le autorità di regolamentazione possono sentirsi a proprio agio con le criptovalute focalizzate sulla privacy.

L’introduzione dei prelievi schermati di ZEC da parte di Gemini arriva tra l’incertezza normativa che circonda Zcash.

Come già segnalato, alcuni exchange globali come il giapponese Liquid hanno dovuto delistare Zcash per conformarsi alle normative. Nel corso del 2019, diversi servizi crypto come OKEx e Upbit hanno sospeso il supporto per Zcash insieme a Monero (XMR), un’altra importante privacy coin, menzionando preoccupazioni in merito alla loro natura anonima. Ad agosto 2019, l’importante crypto exchange statunitense Coinbase ha annunciato la cessazione della custodia di Zcash per i clienti residenti nel Regno Unito.

Source link

Top 5 Crypto Picks for June (Altcoins to Buy Now for EXPLOSIVE Returns)

Cardano celebra il terzo anniversario