in

Le whale hanno guadagnato e le mani deboli hanno venduto durante la bull run di BTC a 40.000$

I dati indicano che Bitcoin (BTC) sta passando di mano velocemente dopo la correzione a 32.000$, e solo i milionari stanno vincendo.

L’11 gennaio, Glassnode ha pubblicato le statistiche relative ai saldi su wallet, rivelando che i principali investitori impegnati a “comprare il ribasso” sono quelli con un saldo superiore a 1.000 BTC (36 milioni di dollari).

Wallet “milionari” in continua crescita

I dati, elaborati da Elias Simos, protocol specialist presso il fornitore di infrastruttura blockchain Bison Trails, suggeriscono che fra dicembre e gennaio i più facoltosi hanno tratto profitto dai Bitcoin venduti da investitori più piccoli.

Gli indirizzi con oltre 1.000 $BTC continuano a crescere alle spese di tutti gli altri, anche mentre la più recente correzione inizia a fare effetto,” ha riassunto Simos.

“Mentre vendevi, le whale stavano accumulando i tuoi Bitcoin…”

Nel corso del rally che ha portato BTC/USD dai 19.000$ del 1° dicembre ai recenti massimi di 42.000$, il numero di wallet con saldi più contenuti è diminuito mentre il gruppo di indirizzi con oltre 1.000 BTC è diventato sempre più grande.

Quindi, l’effetto netto è che le mani deboli stanno vendendo a quelle forti,; inoltre, più l’entità è ricca e più forti sono le sue mani.

Non diventare parte del trasferimento di #BTC a miliardari, corporazioni e hedge fund… per lo meno non ancora,ha twittato l’imprenditore Alistair Milne commentando le conclusioni di Simos.

Grafico delle entità in Bitcoin con un saldo più grande di 1.000 BTC
Grafico delle entità in Bitcoin con un saldo più grande di 1.000 BTC. Fonte: Glassnode

Guggenheim accenna alla vendita di BTC

Anche se gli investimenti istituzionali in Bitcoin sono diventati la normalità negli ultimi mesi, questa settimana un segnale di “mani deboli” proveniente da uno dei grandi nomi ha catturato l’attenzione degli analisti.

Come segnalato da Cointelegraph, Guggenheim Partners, dopo aver annunciato a fine novembre un investimento considerevole in BTC, starebbe già pianificando di vendere parte delle proprie riserve. Lo sviluppo è stato rivelato lunedì dal CIO Scott Minerd, il quale ha spiegato che il calo di Bitcoin nel fine settimana fornisce l’impulso per riconsiderare la posizione.

La crescita parabolica di Bitcoin non è sostenibile nel breve termine. Vulnerabile a una battuta d’arresto,ha scritto.

“Il rialzo tecnico target di 35.000$ è stato superato. È ora di togliere parte del denaro dal tavolo.”

Il suo suggerimento sembra aver confuso gli operatori di mercato, portando molti a chiedersi il motivo alla base della decisione, arrivata poche settimane dopo l’ingresso iniziale di Guggenheim. “Il CIO di una grande società fa day trading in BTC? È un investimento da 5-10 anni come minimo,” ha affermato l’investitore macro Dan Tapeiro.

L’adozione istituzionale si presenta durante una più fondamentale contrazione dell’offerta per Bitcoin, mentre grandi operatori acquistano già più di quanto i miner possano produrre ogni mese. Allo stesso tempo, negli ultimi giorni i miner hanno intensificato le vendite. Una teoria suggerisce che si tratta di una meritata vendita di realizzo in prossimità dei massimi storici.



Source link

Dov’è l’hype? Il sentiment di Bitcoin è in ritardo nonostante la bull run

Le previsioni per il prezzo di Stellar Lumens (XLM)