in

La Banca Centrale dell’Estonia avvia un progetto di ricerca sulle valute digitali

La banca centrale estone, la Eesti Pank, ha annunciato l’avvio di un programma di ricerca per studiare le caratteristiche dell’infrastruttura di una valuta digitale. 

Secondo un comunicato stampa, Eesti Pank collaborerà con le società tecnologiche SW7 Group e Guardtime per verificare se una soluzione blockchain sia adatta per supportare una Keyless Signature Infrastructure (KSI). 

L’Estonia utilizza già la tecnologia blockchain KSI per i suoi servizi di e-government: il progetto della banca esaminerà anche nuove soluzioni di pagamento “che possono essere rese possibili utilizzando ID elettronici e altre soluzioni di e-government già presenti in Estonia“. 

Sebbene l’annuncio non specifichi quali tecnologie verranno utilizzate, è stato svelato che articolerà in diverse fasi e avrà una durata di circa due anni. La prima fase si pone l’obiettivo di ideare una piattaforma scalabile, pratica e sicura. Allo stesso tempo, deve anche essere in grado di garantire velocità, sicurezza, privacy e resilienza. 

Rainer Olt, responsabile di Eesti Pank per i sistemi di pagamento, ha dichiarato: 

“Eesti Pank è una piccola banca centrale: ciò significa che scegliamo accuratamente i progetti a cui possiamo apportare un contributo significativo, nell’ambito del sistema europeo delle banche centrali. Nel corso degli anni, l’Estonia ha sviluppato un know-how unico su come gestire un e-government sicuro, privato ed efficiente.

La grande esperienza accumulata dall’Estonia fornisce delle solide fondamenta da cui partire per lanciare un progetto con le società tecnologiche SW7 e Guardtime. Quest’ultima è da lungo tempo partner dell’Estonia nel campo della blockchain ed è una società leader a livello mondiale nel suo settore.”

La banca ha sottolineato i suoi continui sforzi per sviluppare un contesto finanziario ed un sistema di pagamento al passo con i tempi, in grado di soddisfare le esigenze dei cittadini. 

L’Estonia utilizza da tempo la tecnologia blockchain, anche se recentemente il suo programma di “e-residency” è stato molto criticato: difatti, l’unità di intelligence finanziaria della polizia locale ha scoperto che alcune società estere, di proprietà di residenti estoni, sono state coinvolte in molteplici truffe su larga scala.

Il mese scorso, il presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, ha sottolineato che l’eventuale adozione dell’euro digitale non comporterebbe l’abbandono della valuta fiat. 

Source link

Vitalik e lo scaling immediato 100x di Ethereum

Revolut: nuova funzionalità smart per gli abbonamenti