in

IOTA completa aggiornamento Chrysalis, network 50 volte più veloce

Il progetto IOTA ha completato con successo l’aggiornamento Chrysalis, che consente al network di elaborare fino a 1.000 transazioni al secondo. In altre parole, la rete è improvvisamente divenuta 50 volte più veloce rispetto a prima, quando il numero massimo di transazioni al secondo era soltanto 20.

L’aggiornamento IOTA 1.5, conosciuto anche come Chrysalis, è ora disponibile. Questo upgrade viene considerato un passaggio intermedio prima della totale rimozione del Coordinator dal network. Il Coordinator è un server centralizzato gestito dagli sviluppatori di IOTA, che ha lo scopo di creare checkpoint per la cronologia dei movimenti.

Grazie a Chrysalis, i tempi di conferma delle transazioni sono stati significativamente ridotti: in alcuni casi appena quattro secondi, vale a dire almeno otto volte più velocemente rispetto a prima. È anche possibile che il network riesca a gestire più di 1.000 transazioni al secondo: durante il collaudo del testnet, IOTA è riuscita a raggiungere un picco di 1.500 transazioni al secondo.

Da Pollen a Coordicide

Quest’ultimo aggiornamento, Chrysalis Phase 1, è il penultimo passo verso “Coordicide” — vale a dire la completa rimozione del Coordinator — prima dell’introduzione entro fine anno di Phase 2. Phase 2 includerà “supporto per nuovi metodi di signing e con essi indirizzi riutilizzabili, UTXO, nuova API per i nodi, nuova API per la libreria dei client, un nuovo wallet sia per desktop che per dispositivi mobile e molto altro.

Sul testnet ufficiale, l’aggiornamento verrà suddiviso in tre fasi, che prenderanno il nome dai passaggi per la creazione del miele: Pollen, Nectar e Honey.

Il network ha annunciato l’inizio della prima fase, Pollen, a giugno. Nectar è previsto per l’ultimo trimestre dell’anno, e introdurrà un’implementazione completa dei moduli Coordicide al fine di individuare eventuali bug e problematiche prima del lancio sul mainnet. I partecipanti al network possono generare “nettare”, vale a dire ricompense, per l’individuazione di bug ed eventuali vettori d’attacco.

L’ultimo stadio del testnet di IOTA 2.0, Honey, integrerà tutti i moduli finali di Coordicide. Si tratterà della prima versione totalmente decentralizzata del network IOTA. Il passaggio finale al mainnet è previsto per i primi mesi del 2021.

Source link

Un’importante catena di ristoranti ha convertito tutte le proprie riserve in BTC

LE CRIPTOVALUTE SALVERANNO LE NOSTRE TASCHE – Michele Giancarli #Byoblu24