in

il token di RSK cresce di oltre 30% dopo che il suo fondatore è stato ospite del podcast

Il prezzo di RIF, l’utility token della rete per smart contract RSK, è salito di oltre il 30% dopo che il suo fondatore è stato ospite dell’episodio del 13 gennaio di The Pomp Podcast.

Il guadagno equivale a un aumento di 36 milioni di dollari del market cap di RIF, la maggior parte del quale si è verificato nelle ultime 12 ore:

“$RIF in crescita del 20%, ed è solo l’inizio 

Stiamo costruendo un’infrastruttura sopra quella di Bitcoin. 

La rete più sicura del mondo.”

RIF, abbreviazione di “RSK Infrastructure Framework”, è il token utilizzato come pagamento per i servizi delle infrastrutture decentralizzate che operano all’interno del protocollo RSK, come le soluzioni di e-commerce e i bridge di rete. Questi servizi vengono acquistati in un marketplace ospitato dalla rete e sono costruiti utilizzando il protocollo RSK. Ciò li rende interoperabili fra varie piattaforme per smart contract, come Ethereum ed EOS.

Durante l’intervista, durata un’ora, il fondatore di RSK e di IOVLabs Diego Gutierrez-Zaldivar ha discusso delle origini della sua fascinazione per Bitcoin, della genesi di RSK e degli IOVLabs, nonché del perché è fiducioso che il 2021 sarà un anno produttivo dal punto di vista dell’adozione di massa di BTC.

Gutierrez-Zaldivar ha anche risposto ad alcune domande degli ascoltatori e offerto la sua opinione su una serie di argomenti molto dibattuti, tra cui la censura da parte dei service provider, la DeFi, e quelli che, secondo lui, dovrebbero essere gli obiettivi da raggiungere per gli sviluppatori del suo settore:

“Il primo protocollo di finanza decentralizzata è Bitcoin. L’obiettivo finale è quello di fornire una versione peer-to-peer e decentralizzata di tutti i servizi finanziari che oggi esistono nei modelli centralizzati.”

Gutierrez-Zaldivar ha sottolineato i successi di Ethereum, pur ribadendo la sua convinzione secondo cui il layer di base per lo sviluppo di smart contract dovrebbe essere Bitcoin. La sua conclusione si basa su sei anni di esperienza nello sviluppo di bridge per collegare piattaforme crypto indipendenti:

“Sono pienamente d’accordo con gli obiettivi di Ethereum. Forse la differenza principale è che io penso che il layer di base dovrebbe essere Bitcoin, perché è necessario uno store of value che sia il più possibile censorship-resistant e neutro.”

Con la roadmap di RSK che guarda ad oltre un decennio nel futuro, Gutierrez-Zaldivar ha messo l’accento sulla mentalità a lungo termine della sua azienda: spera che un giorno essa sarà “un importante layer di protezione per l’economia e le infrastrutture Bitcoin“. 

Gutierrez-Zaldivar ritiene che RSK rappresenti il culmine dei progressi compiuti nell’ambito dei software decentralizzati, e che nel 2021 ci saranno tutte le condizioni necessarie affinché “i sistemi crypto funzionino esattamente come le fintech“. Questo, a suo dire, sarebbe l’ultimo passo da compiere verso una convergenza piena dei sistemi:

“Queste tecnologie hanno il potenziale di includere metà della popolazione che oggi è esclusa dal sistema finanziario e quindi destinata ad essere povera per sempre, in quanto mancante dei mezzi per progredire e crescere. Ecco perché penso che questo sia così importante, è il motivo per cui lo stiamo facendo”

Il 6 gennaio, Binance ha annunciato che avrebbe quotato alcune coppie di trading con RIF. Il prezzo di RIF è aumentato di circa il 40% dall’inizio dell’anno.



Source link

UK: i business di criptovalute restano col fiato sospeso

il futuro della finanza è online, è inevitabile