in

Il sentiment di mercato e i fondamentali di Bitcoin sono ancora a favore dei rialzisti

Nel quarto trimestre, il prezzo di Bitcoin ha segnato una crescita sostenibile verso il traguardo dei 13.000$. All’inizio del trimestre, Bitcoin (BTC) si trovava nella zona inferiore a 11.000$, e da lì i costanti rialzi hanno spinto il prezzo a 13.000$ il 21 ottobre per la prima volta quest’anno.

Bitcoin ha toccato i 13.217$, un massimo da record per il 2020, prima di cadere verso il livello dei 12.750$. Questi aumenti del prezzo sono senza dubbio indicativi di un sentiment rialzista tra gli investitori nel mercato attuale.

L’hash rate in crescita è un segno rialzista?

Anche l’hash rate di Bitcoin è in costante aumento dalla fine del secondo trimestre, raggiungendo il suo massimo storico di 157 exahash al secondo il 17 ottobre, secondo i dati forniti da BitInfoCharts. Il parametro stima il numero di hash al secondo che il network di Bitcoin ha eseguito nelle ultime 24 ore. Rappresenta la velocità con cui un miner produce una certa hash, ovvero il numero di volte che riesce a elaborare una funzione di hash in un secondo.

Quindi, più aumentano le attività di mining per BTC, maggiore sarà la crescita dell’hash rate. Jay Hao, CEO di OKEx (un exchange di criptovalute con sede a Malta), ha spiegato a Cointelegraph che l’hash rate in aumento è una buona notizia per il network:

“Dimostra che i miner sono fiduciosi sulla futura direzione del prezzo di Bitcoin e stanno aumentando le risorse utilizzate. Spesso fanno valide previsioni sul prezzo di BTC, anche se i rialzi del prezzo non sempre seguono la crescita dell’hash rate. Non c’è alcun legame stabilito tra i due. È possibile che vedremo il prezzo aumentare soprattutto se un maggior numero di miner conserva le nuove monete invece di venderle, ma non è una certezza.”

Tuttavia, l’hash rate in aumento significa anche che i miner hanno bisogno di una maggiore potenza di calcolo per continuare a generare profitti, a causa della crescente concorrenza sul network. Hao ha elaborato ulteriormente su questo argomento, affermando che a lungo termine emergerà probabilmente sempre più concorrenza, e chi possiede molte risorse avrà più successo:

“Se il prezzo di Bitcoin aumenta, genererà un reddito maggiore per i miner, ma se il prezzo non sale e l’hash rate continua la sua crescita, porterà a costi più elevati per i miner.”

Concordando con l’idea secondo cui un hash rate in aumento indica ottimismo, Tone Vays, organizzatore del Financial Summit, ha spiegato cosa questo potrebbe significare per i miner di Bitcoin, oltre a metterli a confronto con i miner sul network di Ethereum:

“La crescita dell’hash rate durante una fase di consolidamento o un lento trend rialzista è sempre positiva per un’ulteriore aumento dei prezzi. Mentre i prezzi salgono, i miner che hanno investito in mining farm ben gestite realizzeranno ottimi profitti. Il mining di Bitcoin sarà sempre più redditizio del mining di Ethereum nel lungo termine, per l’ovvia ragione che l’amministrazione livello C di Ethereum ha l’obiettivo di eliminare il mining a favore della proof of stake.”

L’analisi della distribuzione di Bitcoin rivela dei pattern

Bitcoin diventa più raro di giorno in giorno, poiché la quantità di monete che possono essere minate è limitata, quindi è importante considerare anche il ruolo che i trend di distribuzione tra i possessori di BTC svolgono nel sentiment di mercato. Secondo i dati pubblicati da Blockchain Center, attualmente gli exchange di criptovalute detengono il 12,62% della distribuzione totale di BTC, e questa cifra continua a diminuire.

Le due ragioni principali alla base di questo calo potrebbero essere che i nuovi utenti stanno acquistando Bitcoin dal mercato secondario per conservarli in cold wallet come riserva di valore, simile a quello che fanno gli investitori tradizionali con l’oro, e il boom della DeFi, che potrebbe spingere alcuni investitori a tokenizzare Bitcoin per guadagni veloci nei mercati della finanza decentralizzata invece di conservarli. Dato che questo trend incrementa i costi di circolazione di Bitcoin, il prezzo della criptovaluta è destinato ad aumentare mentre la quota degli exchange nella pool di token diminuisce.

La seconda cifra importante è la quantità di Bitcoin nelle mani degli investitori istituzionali e delle whale, attualmente pari al 3,74% e in continuo aumento. Questi grandi investitori istituzionali stanno incrementando la percentuale di Bitcoin nei propri portafogli, in quanto lo considerano una riserva di valore e una copertura contro l’incertezza nel mercato tradizionale. Hao ha spiegato che “con meno Bitcoin rimasti e sempre più utilizzo, il trend del prezzo di Bitcoin appare senza dubbio rialzista.

Secondo i dati relativi al sentiment di mercato monitorati da IntoTheBlock, che analizza parametri on-chain, segnali dagli exchange e informazioni sui derivati, il mercato è attualmente “prevalentemente ribassista,” nonostante Bitcoin abbia toccato i 12.900$. Gli indicatori relativi alle grandi transazioni e alla crescita netta del network segnalano che il mercato è leggermente ribassista, in quanto si stanno contraendo a causa dei motivi già menzionati. Come sottolineato dalla società di analisi crypto Skew, anche i mercati delle opzioni su Bitcoin indicanovolatilità al rialzo” per il loro asset sottostante.

Gli indicatori macroeconomici che rendono i mercati rialzisti

L’attuale scenario macroeconomico è estremamente positivo, con il candidato presidenziale Joe Biden in testa nei sondaggi per le elezioni statunitensi e la ripresa delle trattative per un nuovo assegno di sussidio. Infatti, questo è stato (finora) il recupero più veloce della storia per l’economia degli Stati Uniti. Dal panico legato alla pandemia che a marzo ha fatto precipitare i mercati, i titoli azionari statunitensi sono saliti alle stelle. Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato più del 59%, l’S&P 500 il 63%, l’indice small-cap Russell 2000 del 70% e il Nasdaq Composite Index dell’81%. Il Nasdaq ha persino sorpassato i massimi raggiunti prima della pandemia.

Allo stesso tempo, questo ha causato una maggiore correlazione tra il prezzo di BTC e i mercati azionari statunitensi, oltre ai funding rate positivi nel mercato dei future su Bitcoin. Sono segnali estremamente incoraggianti per Bitcoin, e i recenti acquisti di BTC da parte di grandi investitori istituzionali come Square e MicroStrategy stanno spingendo il clima rialzista nel breve termine in linea con i mercati tradizionali fino alla fine dell’anno.

Le eccessive misure di quantitative easing applicate dai governi di tutto il mondo per risolvere temporaneamente i problemi economici avranno anche un effetto positivo sul prezzo di Bitcoin, secondo Vays:

“La stampa di moneta assurda da parte di ogni governo nel mondo, gli investimenti effettuati da grandi aziende in Bitcoin come riserva strategica e la continua guerra degli Stati Uniti contro le imprese non-KYC/AML sono fondamentali più che sufficienti a favore del breakout di Bitcoin.”

Anche nei periodi in cui il mercato tradizionale ha affrontato una volatilità estrema, Bitcoin ha mantenuto la sua posizione come asset alternativo affidabile e una possibile riserva di valore. Inoltre, sta trovando nuove applicazioni nel settore delle criptovalute, come l’uso di Bitcoin tokenizzato all’interno dell’ecosistema DeFi. Il 21 ottobre, la notizia secondo cui PayPal consentirà i pagamenti in crypto a partire dal 2021 è stata un’iniezione di fiducia per il settore blockchain, grazie alla maggiore credibilità che deriva dal presentare Bitcoin come un asset da usare per le transazioni quotidiane.



Source link

Le novità su IOTA 2.0

Bitcoin ha una probabilità del 7% di superare i 20.000$ entro due mesi