in

I miner stanno accumulando Bitcoin, svelano i dati di Glassnode

I miner di Bitcoin (BTC) stanno conservando le loro monete in attesa di prezzi più alti: i trasferimenti diretti dai miner agli exchange sono crollati di quasi il 40% da metà marzo.

I dati della risorsa di analisi on-chain Glassnode mostrano che i saldi in BTC dei miner sono in aumento da fine marzo, in seguito a deflussi significativi nel mese di gennaio e una vendita sempre più ridotta a febbraio e marzo.

Rafael Schultze-Kraft, chief technology officer di Glassnode, ha segnalato che diversi parametri puntano al recente accumulo da parte dei miner, tra cui i flussi dagli indirizzi dei miner, l’offerta di BTC non spesi e il cambiamento netto delle posizioni dei miner.

I dati di Glassnode mostrano che l’offerta non spesa, ovvero i BTC che non sono mai stati trasferiti dall’indirizzo ricevente originale (quello del miner), ha iniziato ad aumentare dopo aver registrato un drastico calo a gennaio, quando 15.000 monete inattive sono state spostate per la prima volta.

Offerta non spesa di BTC. Fonte: Glassnode

Da febbraio, circa 5.000 BTC di nuova emissione sono stati aggiunti all’offerta non spesa, portando il totale a 1,765 milioni di Bitcoin.

Nelle ultime settimane, anche i trasferimenti diretti dai wallet dei miner agli exchange sono diminuiti sostanzialmente. La media mobile a 30 giorni è scesa da quasi 450 BTC di metà marzo ai 275 BTC di oggi.

Trasferimenti di BTC da wallet di miner a exchange, media mobile a 30 giorni
Trasferimenti di BTC da wallet di miner a exchange, media mobile a 30 giorni. Fonte: Glassnode

Schultze-Kraft ha commentato che il mining di Bitcoin sta mostrando “fondamentali solidi,sottolineando martedì un nuovo massimo storico per l’hash rate giornaliero a 179 exahash al secondo e un nuovo record per la difficoltà di mining di Bitcoin.

Inoltre, ha condiviso dati che mostrano una crescita del 300% in circa un anno per i guadagni dei miner, toccando nuovi massimi storici oltre i 50 milioni di dollari e raggiungendo una media mobile a sette giorni di quasi 60 milioni di dollari.

I miner hanno pochi o nessun incentivo per incassare al momento,” ha concluso, aggiungendo che “la vendita o la capitolazione non sono in vista.

L’apparente prosperità dei miner di Bitcoin è evidente nelle performance delle azioni di società di mining nordamericane quotate in borsa. Un’analisi pubblicata di recente ha rivelato che le azioni delle quattro più grandi società di mining di Bitcoin quotate in borsa sono aumentate del 5.000% in 12 mesi. Nello stesso periodo, il prezzo spot di BTC ha registrato una crescita del 900%.



Source link

Il sentiment su Bitcoin diventa ribassista, nonostante Bloomberg preveda un prezzo di 400.000$

la Cina sta usando Bitcoin come ‘arma finanziaria’ contro gli Stati Uniti