in

I miner hanno già bypassato i limiti al mining di ETH della Nvidia RTX 3060

Sembra che il tentativo di Nvidia di allontanare i miner di Ether (ETH) dalla suo nuova scheda grafica GeForce RTX 3060 limitandone l’hash rate abbia avuto vita breve.

Degli screenshot pubblicati dall’account Twitter I_Leak_VN mostrano otto schede grafiche RTX 3060 con prestazioni ben oltre il limite di mining a 20-25 MH/s applicato da Nvidia, utilizzando l’algoritmo Dagger-Hashimoto per il mining di Ethereum.

Nello stesso giorno, un gruppo Facebook vietnamita incentrato sulle criptovalute ha condiviso un grafico annunciando che le limitazioni della RTX 3060 sono effettivamente state bypassate, e grazie alla modifica la scheda può raggiungere la sua piena potenza di 50 MH/s.

Sembra che i limiti applicati da Nvidia per il mining di Ether siano stati aggirati usando una modifica su misura, stando a report rilasciati il 10 marzo. Questo va contro un recente annuncio del global director of public relations di Nvidia, Bryan Del Rizzo, che il 21 febbraio ha affermato che interazioni protette tra l’hardware, il software driver e il firmware della GPU avrebbero impedito la rimozione del limite sull’hash rate.

Non è solo una questione di driver. È presente una secure handshake tra il driver, il silicio della RTX 3060 e il BIOS (firmware) che impedisce la rimozione del limite sull’hash rate,ha scritto Del Rizzo su Twitter.

Il limite imposto da Nvidia è stato progettato per rendere le schede meno attraenti per i miner di criptovalute, in particolare di Ether. Questa decisione ha seguito forti critiche da parte degli appassionati di videogiochi, preoccupati per una potenziale nuova carenza di GPU causata dalla domanda dei miner. Stando ai commenti di Nvidia, Ether è stato preso di mira in quanto ha il più alto rendimento globale tra le monete con mining via GPU.

Oltre a limitare l’efficienza del mining di Ether, Nvidia ha annunciato l’imminente lancio di una nuova linea di schede grafiche dedicata specificamente al mining di crypto. Sotto il nome di CMP, le schede saranno commercializzate ai miner e non avranno uscite video in quanto ritenute superflue per il mining.

Tuttavia, il fatto che le limitazioni della RTX 3060 siano già state bypassate potrebbe nuovamente spingere i miner ad acquistare questa scheda. Anche i piani futuri di Nvidia sono stati influenzati, dato che progettava di rilasciare la nuova RTX 3080 Ti con gli stessi limiti per il mining di Ether.



Source link

Artista su OpenSea evidenzia il valore arbitrario degli NFT con un ‘rugpull’

JPMorgan lancerà un ‘paniere di esposizione alle crypto’ che include MicroStrategy e Square