in

i fondamentali di Bitcoin in calo potrebbero rimandare i 14.000$

Questa settimana, il prezzo di Bitcoin (BTC) potrebbe assistere a un’ulteriore pressione al ribasso mentre la difficoltà del network sembra destinata a tracciare la perdita più grande degli ultimi cinque mesi.

I dati di BTC.com stimano che la difficoltà scenderà dell’8,3% con il prossimo aggiustamento automatico tra tre giorni.

La difficoltà replicherà la correzione di giugno

La difficoltà di mining è una misura essenziale della competizione tra miner nell’ottenere ricompense del blocco, e per estensione, la salute generale del settore di mining.

Gli aggiustamenti automatici svolgono una funzione ancora più importante, consentire a Bitcoin di sostenere sé stesso indipendentemente dalla price action o da altre circostanze.

Nel mese di giugno, la difficoltà è crollata del 9,3% in seguito a un calo precedente del 6,3%, segnando il culmine dell’agitazione tra i miner dopo l’halving di maggio.

Questo evento ha dimezzato il block reward di Bitcoin, creando una dinamica di profitto drasticamente diversa per i miner che operano con margini stretti o attrezzature più vecchie. Le due correzioni al ribasso consecutive hanno nuovamente aperto opportunità per i miner meno efficienti, e la difficoltà ha recuperato quasi il 15% successivamente.

L’ultimo calo, invece, è stato attribuito alla fine della cosiddetta “hydro season” per i miner cinesi. Questo evento si verifica ogni ottobre, quando le piogge nella provincia di Sichuan in Cina diminuiscono e l’energia idroelettrica più economica non è più disponibile, facendo aumentare i costi.

Superare l’ostacolo finale per il prezzo di Bitcoin

L’effetto a catena, arrivato mentre Bitcoin ha cercato senza successo di spezzare la resistenza dei 14.000$ per la prima volta in quasi 18 mesi, potrebbe risultare in una contrazione più estesa da questo livello decisivo.

Come segnalato da Cointelegraph, non è presente quasi nessun livello di resistenza tecnico tra i 14.000$ e il massimo storico di Bitcoin a 20.000$ raggiunto nel 2017.

Martedì, lo sviluppatore Matt Odell ha sintetizzato il processo su Twitter:

“Stagione delle piogge conclusa in Cina -> prezzi più alti per l’energia idroelettrica -> hash rate in calo mentre i miner passano a energia più economica -> blocchi minati meno frequentemente fino all’aggiustamento della difficoltà.”

Odell stava commentando un altro risultato della ridotta attività di mining, le commissioni di transazione più elevate per Bitcoin, che hanno registrato un picco di quasi il 200%.

Dopo il mese di giugno, la price action si è lentamente allineata sia con la difficoltà che con l’hash rate del network di Bitcoin. In seguito, mentre entrambi i parametri hanno ricominciato ad aumentare, anche il prezzo ha registrato una ripresa propria, rafforzando una teoria popolare secondo cui il prezzo segue i fondamentali e, in particolare, l’hash rate.

Grafico a 60 giorni della media a 7 giorni dell’hash rate di Bitcoin

Grafico a 60 giorni della media a 7 giorni dell’hash rate di Bitcoin. Fonte: Blockchain

Esaminando la situazione su intervalli più estesi, Lina Seiche, managing director dell’organo di stampa BTC Times, ha richiamato l’attenzione sulla forza complessiva dell’hash rate.

L’hash rate di #Bitcoin è aumentato del 18% dal terzo halving, del 9.300% dal secondo halving, e del 554.000.000% dal primo halving,” ha twittato questa settimana.



Source link

gli investitori sono tornati su BTC?

Molti stanno studiando le CBDC ma nessuno sembra voler fare la prima mossa: siamo in uno stallo?