in

Homer Pepe, ‘l’NFT più importante nella storia dell’arte’, è stato venduto per 205 ETH

Il Pepe più raro di tutti, “Homer Pepe”, è stato venduto per 205 ETH (320.000$), stando al proprietario Peter Kell.

La carta unica mostra una fusione tra il personaggio Homer Simpson e il celebre Pepe The Frog.

Il post di Peter Kell su Instagram. Fonte: Instagram

Pepe è un cartone animato creato dall’artista Matt Furie che ha ispirato innumerevoli meme su internet, inclusi i Rare Pepe, uno dei primi esperimenti artistici sulla blockchain.

Homer Pepe è una carta generata da un utente della piattaforma di collezionismo Rare Pepe, sviluppata da Joe Looney nel 2016 e esposto durante il Rare Art Labs Digital Art Festival nel 2018. La carta è stata acquistata da Kell nella prima asta dal vivo per arte blockchain a un prezzo di 38.500$, al tempo il più alto pagato per un token non fungibile (NFT). Inoltre, l’opera è stata inclusa nel documentario “Feels Good Man”, recentemente premiato dal Sundance Film Festival. L’account Twitter ufficiale del documentario ha affermato che la carta è stata venduta per una somma superiore al costo di produzione dell’intero film.

Il nuovo proprietario, TokenAngels, sembra impegnato ad accumulare centinaia di altri NFT nella serie, e si è affrettato per conquistare il Pepe più prezioso dopo aver scoperto che era in vendita.

Ho dovuto vendere qualche punk in fretta,” ha spiegato TokenAngels riferendosi agli NFT CryptoPunks. “Li ho venduti per molto meno del loro valore ma era molto importante raccogliere i fondi per effettuare la transazione in tempo!”. Joe Looney ha agito da escrow per la vendita.

Qualche giorno fa il noto artista Matt Kane, onorato nella Top 100 di Cointelegraph di quest’anno, ha creato un tributo artistico a Homer Pepe, e il suo tweet ha attirato l’attenzione al fatto che Kell stesse cercando di vendere l’originale:

“L’asta termina l’11 marzo. Il mio 33° #NFT 1/1 emesso questa mattina su @SuperRare con gratitudine verso ogni generazione di #cryptoart, vecchia e nuova. Trovate uno zoom a 24K e dettagli sul mio sito web NFT Portal. Condividerò altro nei prossimi giorni.”

Kane ha commentato:

“Considero Homer Pepe l’NFT più importante nella storia dell’arte, in quanto la sua vendita da prima pagina nel 2018 ha influenzato molti degli artisti crypto originali a credere di poter mettere la nostra arte al lavoro, sviluppando sia il mercato che la fiducia in questa nuova tecnologia.”

Quest’anno, gli NFT in generale hanno visto una crescita esplosiva con oltre 300 milioni di dollari in vendite generate nei primi due mesi. Il co-fondatore e chief technology officer di OpenSea, Alex Atallah, ha evidenziato pochi giorni fa che il mercato è cresciuto di oltre il 7.000% dall’anno scorso:

“Dopo il drop di @3LAU di ieri, il mercato degli NFT su Ethereum di febbraio ha superato i 300 milioni di dollari. Una crescita del 7.450% dall’anno scorso.”

Il famoso musicista 3LAU è passato alla storia collaborando con Origin Protocol per lanciare il suo nuovo album attraverso un’asta NFT alle 33 offerte più alte. Raccogliendo più di 11,6 milioni di dollari, con l’offerta più alta pari a 3.666.666$, 3LAU ha promesso che collaborerà con i sei più grandi offerenti per creare una canzone o un remix personalizzato per ciascuno.

La scorsa settimana, Beeple ha segnato un nuovo record quando il suo NFT Crossroads è stato venduto nel mercato secondario per 6,6 milioni di dollari. Inoltre, è arrivato nel settore artistico mainstream con il suo NFT “EVERYDAYS: THE FIRST 5000 DAYS” attualmente in vendita sulla famosa casa d’aste Christie’s. Al momento, l’offerta più alta per l’opera è pari a 3,25 milioni di dollari.

Il pittore Trevor Jones ha mostrato il potere del mercato degli NFT con il suo dipinto “Bitcoin Angel,” che ha raccolto più di 3,2 milioni di dollari con 4.157 edizioni vendute in sette minuti.



Source link

Previsione del prezzo di Ethereum per il 2025

No, Goldman Sachs non è un indicatore ribassista per Bitcoin