in

Gli agricoltori potrebbero iniziare a coprire i propri rischi con dati meteo decentralizzati

Arbol, una piattaforma che consente agli agricoltori di coprire i rischi climatici, sta integrando gli oracoli di dati di Chainlink.

Siddhartha Jha, CEO di Arbol, ha spiegato a Cointelegraph che la compagnia utilizza tecnologia blockchain per risolvere un problema che colpisce miliardi di persone in tutto il mondo:

“È incredibile che una tale porzione del sostentamento nel mondo, stimata da due a tre miliardi di persone circa, sia influenzata ogni giorno dalle condizioni climatiche.”

Gli agricoltori sono probabilmente i più colpiti dall’imprevedibilità del tempo. Per molti, il maltempo può causare la perdita dell’unica fonte di sostentamento o la fame. Anche se l’assicurazione agricola esiste da decenni, se non secoli, secondo Jha è comunque inaccessibile per la stragrande maggioranza:

“Se possiedi meno di duecentomila dollari da spendere in premi assicurativi, non hai alcun tipo di accesso a disposizione.”

L’infrastruttura della blockchain di Arbol

L’infrastruttura della blockchain di Arbol. Fonte: Arbol.

Secondo Jha, Arbol riduce le barriere di ingresso e rende la copertura meno costosa. Con la blockchain, liquidazioni e rimborsi possono essere istantanei, a differenza delle alternative centralizzate in cui i partecipanti si trovano ad aspettare settimane e a volte persino mesi.

Gli agricoltori possono proteggersi dall’impatto di varie condizioni climatiche avverse sui raccolti. Per esempio, possono comprare una copertura contro l’aumento della temperatura nella loro regione fino a un livello critico, che una volta raggiunto innescherà un risarcimento automatico. Integrando i flussi di dati meteorologici oracolizzati di Chainlink, la piattaforma della società è diventata più decentralizzata e resiliente.

Jha ha aggiunto che la piattaforma è stata lanciata a febbraio e ha già visto una forte domanda nel mondo reale:

“Abbiamo effettuato più di 210 transazioni, circa 13 milioni di dollari in rischio nozionale. La piattaforma viene usata da agricoltori che coltivano una vasta gamma di prodotti, da grano e soia a frutta e altre colture speciali. Abbiamo collaborato con diverse filiere agricole per coprire i rischi legati alla catena logistica.”

Anche se Jha ha sottolineato che la piattaforma mira a fornire utilità nel mondo reale, crede comunque che in futuro potrebbe diventare un prodotto molto attraente nel contesto della finanza decentralizzata:

“Questi portafogli meteorologici sono investimenti eccellenti per la comunità DeFi, se offerti in forma tokenizzata, se vengono tokenizzati i rischi climatici; hanno rendimenti piuttosto attraenti. Il rapporto rischio/ricompensa è ottimo in quanto sono molto diversificati e non correlati a mercati azionari e obbligazionari.”

Jha ha precisato che la compagnia ha effettuato qualche rimborso in stablecoin, ma la grande maggioranza di agricoltori preferisce ancora usare la buon vecchia valuta fiat.

Source link

Cinque valute nazionali che Bitcoin sta schiacciando nel 2020

Cardano studia l’interoperabilità con altre blockchain