in

GitHub può censurare il codice di Bitcoin?

Negli ultimi giorni si sta discutendo animatamente sulla recente decisione di GitHub di rimuovere un progetto e tutti i suoi vari fork dalla sua piattaforma; la domanda che sorge è quindi: potrebbe succedere lo stesso con il codice di Bitcoin o di altre crypto?

Il servizio di hosting per progetti software ha messo in pratica quella che è la censura di un codice per impedirne la diffusione e ci si domanda quindi se potrebbe succedere di nuovo.

Il caso scatenante riguarda delle librerie di YouTube, che permettono di richiamare i dati dei video per ottenerne informazioni, in questo caso le canzoni dei videoclip che troviamo su questa piattaforma.

La cosa è alquanto insolita perché quel tipo di librerie richiama una richiesta alla piattaforma ed è simile a quanto fanno le terze parti per integrare i video di YouTube sul proprio sito, quindi è difficile che si possa trattare di una violazione del copyright, anche se questa è stata la motivazione ufficiale.

E se Github cancellasse il codice di Bitcoin?

La vicenda non è certo passata inosservata alla comunità di chi utilizza GitHub per pubblicare il codice dei propri progetti per renderlo disponibile a tutti rendendolo open source e aperto a tutti, come nel caso di Bitcoin.

Per questo motivo, in molti si stanno chiedendo se anche tutti i progetti crypto che hanno pubblicato il proprio codice su questa piattaforma siano a rischi di censura, visto che parliamo di una piattaforma centralizzata in mano a Microsoft.

L’evento inizia a far preoccupare in molti visto che potrebbero arrivare pressioni a GitHub per rimuovere eventuali crypto dalla loro piattaforma, mettendo in difficoltà praticamente tutti i dev e non solo.

Ma se è vero che ci sono piattaforme centralizzate come Github, è anche vero che ci sono altrettanti metodi decentralizzati in ogni settore, per esempio utilizzare il protocollo IPFS è una valida alternativa e di piattaforme video decentralizzate ne esistono di diverse già attive.

Non dimentichiamo che nel dicembre 2019 la stessa YouTube ha tirato giù diversi canali di video a tema crypto svuotando gli stessi da tutti i contenuti che trattavano crypto e blockchain. Si trattò di una censura pesantissima e senza precedenti, cosa che in molti hanno visto come il segnale che questa piattaforma non è affidabile visto che i contenuti possono essere da loro rimossi a piacimento.

Infine non possiamo fare altro che sottolineare che se il codice sorgente è aperto ma si trova su GitHub, allora potremmo addirittura arrivare a dire che il codice non sia realmente open source visto che si trova su una piattaforma centralizzata.




Source link

Lo sviluppatore Ethereum non ha violato la legge in Corea del Nord

JPMorgan ottimista su Bitcoin, cita un enorme potenziale di crescita