in

Ethereum ora elabora 28% più transazioni di Bitcoin, svelano i dati di Messari

Il volume giornaliero delle transazioni sul network Ethereum (ETH) è ora il 28% maggiore che su Bitcoin (BTC), svelano i dati della società d’analisi crypto Messari.

Ryan Watkins di Messari ha scritto su Twitter che il volume giornaliero delle transazioni su Ethereum “sta diventando parabolico, allegando un grafico che mostra come nelle ultime 24 ore il network abbia elaborato transazioni per un valore di oltre 12,3 miliardi di dollari:

“Il volume giornaliero delle transazioni su Ethereum sta diventando parabolico. Ora elabora 12 miliardi di dollari in transazioni al giorno, 3 miliardi in più di Bitcoin.”

Questi dati escludono le transazioni effettuate con token ERC-20 che non sono stablecoin, per evitare di conteggiare due volte i volumi dei DEX.

Il “Flippening Index” di Blockchain Center, che utilizza otto parametri chiave per identificare se il network di Ethereum ha superato quello di Bitcoin in termini di dimensioni e attività, è pari al 63,5%: uno dei valori più alti di sempre.

Sebbene i dati di Blockchain Center indichino che Ethereum non abbia ancora battuto Bitcoin dal punto di vista dei volumi delle transazioni, il Flippening Index evidenzia come sia già superiore per numero di transazioni e commissioni complessive.

Flippening Index
Flippening Index. Fonte: Blockchain Center

Nonostante il recente slancio di Ethereum, il Flippening Index mostra che il volume di ricerche su Google è solo il 14% di quello di Bitcoin; inoltre, la capitalizzazione di ETH è il 21% di quella di BTC. Messari tuttavia stima che il valore dell’ecosistema Ethereum sia in realtà 212 miliardi di dollari, ovvero il 31% del market cap di Bitcoin.

Polkadot, progetto creato dal cofondatore di Ethereum Gavin Wood, ha completato il suo flippening la scorsa settimana grazie al superamento di XRP: è ora la terza crypto non-stablecoin più grande del mercato, dietro soltanto ETH e BTC.



Source link

Petro: la rinascita della moneta digitale del Venezuela

David Barral il primo calciatore pagato in Bitcoin