in

è dal 2015 che non sono così ottimista sul prezzo di Bitcoin

Il co-fondatore e CEO di una delle società Bitcoin (BTC) più note ha rivelato di essere ottimista circa la principale criptovaluta, più di qualsiasi altro momento negli ultimi cinque anni.

In una serie di tweet pubblicati il 6 ottobre, Bill Barhydt, CEO del portale di pagamenti Abra, ha evidenziato un grande numero di indicatori che suggeriscono aumenti di prezzo imminenti per BTC.

Non sono mai stato così eccitato circa il potenziale di #Bitcoin per un rialzo significativo nel breve termine (in un intervallo inferiore a 18 mesi.),” ha sintetizzato.

Dopo aver toccato massimi di 12.500$, Bitcoin ha trascorso le ultime settimane in un pattern di consolidamento. Anche se le prospettive a breve termine del prezzo risultano deludenti per alcuni analisti, altri sostengono che i fondamentali del network e il comportamento a lungo termine sono più rialzisti che mai.

Per Barhydt, anche i movimenti attuali sono motivo di ottimismo.

“Il grafico a lungo termine mostra un triangolo discendente, pattern (di continuazione) molto rialzista, dai massimi di gennaio 2018.”

Questa prospettiva riflette i commenti espressi quest’anno da altri operatori nel settore, in particolare Credible Crypto. A maggio, il trader ha affermato che BTC/USD si trova in una fase di consolidamento sin dal massimo storico raggiunto nel 2017.

La previsione, ha aggiunto Barhydt, comprende un nuovo test di questi massimi a 20.000$ per sbloccare di default livelli ancora più alti.

Gli effetti di rete derivanti da una scalata a 25.000$ per #Bitcoin causerebbero probabilmente un’esplosione a 50.000$ e oltre,” ha commentato.

Grafico mensile di BTC/USD

Grafico mensile di BTC/USD. Fonte: Coin360

Le stelle si allineano per il prezzo di Bitcoin

Allontanandosi dal prezzo, Barhydt ha sottolineato i notevoli afflussi dalla stablecoin Tether (USDT), che ora vanta un market cap da 15 miliardi di dollari.

Il supporto di importanti compagnie e persino il recente appoggio dei media statali cinesi hanno sostenuto ulteriormente il suo ottimismo. Come segnalato da Cointelegraph, il mese scorso diverse pubblicazioni hanno descritto le criptovalute come l’investimento più performante del 2020.

Concludendo, Barhydt ha aggiunto che ora le condizioni puntano verso l’alto, più di qualsiasi altro momento dopo i primissimi giorni della bull run del 2017.

“In conclusione… È dal 2015 che non sono così ottimista sugli aumenti del prezzo a breve termine per #Bitcoin.”

Un tweet successivo ha riportato un avvertimento, secondo cui BTC/USD potrebbe comunque crollare a 5.000$ e non raggiungere mai i 100.000$.

Per questo mese, le aspettative sui prezzi rimangono sommesse a causa della continua correlazione tra Bitcoin e i mercati macro tradizionali, in particolare a indici come l’S&P 500 e l’oro.

La recente diagnosi di COVID-19 del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sottolineato questa relazione. In seguito alla notizia, BTC/USD è scivolato da poco meno di 11.000$ a minimi di 10.390$. Al momento della stesura, la coppia si trova a 10.630$.



Source link

L’asta del token Flow termina a quattro volte il prezzo della ‘community sale’

Animoca Brands lista il token REVV su LaToken