in

Dan Tapiero prevede un’enorme carenza di Bitcoin

Negli ultimi mesi, la domanda istituzionale di Bitcoin (BTC) ha assistito a un notevole picco in seguito a diversi investimenti di alto profilo. Dan Tapiero, asset manager e co-fondatore di 10T Holdings, crede che col tempo questo potrebbe causare una carenza di BTC problematica.

Insieme agli investimenti di Square, MicroStrategy e Stone Ridge, sono aumentati anche gli afflussi di Bitcoin nel Bitcoin Trust di Grayscale.

Considerando la rapida crescita degli investimenti istituzionali, Tapiero avverte che in futuro gli short-seller potrebbero avere problemi.

Gli investitori istituzionali si precipitano in Bitcoin

Nel terzo trimestre del 2020, il Bitcoin Trust di Grayscale ha registrato un afflusso di 1,05 miliardi di dollari, segnando il primo trimestre miliardario del prodotto e sottolineando la domanda istituzionale da record. Il report trimestrale della compagnia spiega:

“Grayscale ha registrato gli afflussi trimestrali più grandi di sempre, oltre 1 miliardo di dollari nel Q3 2020, il terzo trimestre da record consecutivo. Gli investimenti dall’inizio dell’anno ad oggi nella famiglia di prodotti Grayscale hanno superato i 2,4 miliardi di dollari, più del doppio degli afflussi totali nei prodotti dal 2013 al 2019, pari a 1,2 miliardi di dollari.”

Il tempismo del trimestre da record di Grayscale è degno di nota in quanto segue a qualche mese di distanza il crollo del prezzo di BTC sotto i 3.600$.

Afflussi trimestrali cumulativi nei prodotti di Grayscale, incluso il Bitcoin Trust

Afflussi trimestrali cumulativi nei prodotti di Grayscale, incluso il Bitcoin Trust. Fonte: Grayscale

Il 13 marzo, Bitcoin è precipitato a 3.600$ dopo la liquidazione di contratti future per 1 miliardo di dollari. Da allora, BTC ha registrato una stabile ripresa, fino a superare il livello dei 12.500$ a inizio settembre.

La domanda istituzionale di Bitcoin è aumentata rapidamente in seguito a quello che oggi viene definito uno dei crolli più gravi della storia recente, indicando che le istituzioni puntano sulla tenacia del crypto asset.

Considerando la continua crescita degli afflussi verso Grayscale dovuta agli investitori istituzionali, Tapiero ha commentato:

“Possibili CARENZE di Bitcoin. Il Grayscale Trust di Barry sta divorando BTC come se non ci fosse un domani. Se il 77% di tutte le monete appena emesse diventa il 110%, è la fine. L’offerta non-miner verrà spinta fuori dal mercato attraverso squeeze. Gli short saranno morti. Il prezzo potrà arrivare a qualsiasi cifra.”

Preoccupazioni sull’offerta in linea con il ciclo post-halving

Le speculazioni su una potenziale crisi dell’offerta in Bitcoin coincidono con il ciclo post-halving. L’11 maggio, Bitcoin ha affrontato il suo terzo halving, e storicamente questi eventi portano a bull run prolungate per i due anni successivi.

Gli halving hanno dimostrato di avere un impatto diretto sul prezzo di Bitcoin, soprattutto nel lungo termine, man mano che rallenta la velocità con cui l’offerta di BTC rimanente viene introdotta nel mercato.

Bitcoin ha una fornitura limitata a 21 milioni di unità, e con ogni halving la quantità di BTC che i miner possono produrre diminuisce. Pertanto, ogni quattro anni i BTC acquistabili nel mercato diventano sempre meno.

Nel 2016, ci sono voluti circa 15 mesi prima che Bitcoin raggiungesse un picco dopo il secondo halving. Se un simile pattern dovesse ripetersi, un arco di tempo equivalente dal più recente halving sarebbe intorno al terzo trimestre del 2021.

Curiosamente, l’attuale ciclo post-halving sta assistendo a una domanda istituzionale senza precedenti.



Source link

un ‘enorme muro di denaro’ spingerà Bitcoin a 1 milione di dollari entro il 2025

22 milioni di dollari in Bitcoin spostati da Huobi a OKEx nonostante i prelievi congelati