in

Cosa è Ethereum

cosa è ethereum come dove comprare

Cosa è Ethereum

Ethereum è una piattaforma informatica decentralizzata che funziona contemporaneamente su migliaia di dispositivi in tutto il mondo e che, come il Bitcoin, non ha un proprietario.

Ethereum, come le altre criptovalute, permette di trasferire denaro digitale da utente a utente. La caratteristica di Ethereum è che è possibile implementare il codice, e interagire con applicazioni create da altri utenti della blockchain. Grazie a questa sua flessibilità, è possibile lanciare qualsiasi programma sofisticato.

L’idea che sta alla base di Ethereum è che gli sviluppatori possono creare e implementare il codice attraverso un network distribuito, invece di esistere avere server centralizzato.

guida principianti cosa è ethereum dove come comprare

Come è nato Ethereum

L’origine di Ethereum risale al 2013 e viene menzionato per la prima volta  nel White Paper di Vitalik Buterin, uno sviluppatore di origini russe cresciuto in Canada. All’epoca Vitalik era uno studente universitario con una grande passione per le criptovalute e per Bitcoin.

L’idea di Buterin era che il Bitcoin dovesse essere più versatile e non solo una semplice riserva di valore o un sistema di pagamento. Doveva quindi avere delle funzioni per determinare automaticamente quando, ad esempio, dovesse avvenire un pagamento. Questo progetto che non viene implementato sul Bitcoin, ha dato la spinta alla nascita di Ethereum nel 2014.

La nuova criptovalita apre quindi la strada a ciò che è noto come Offerta di Moneta Iniziale (o ICO-Initial Coin Offering), vendendo agli investitori iniziali circa 60 milioni di Ether (il token nativo della blockchain di Ethereum). Oggi Ethereum è cresciuto in modo significativo e sono stati lanciati molti progetti sulla sua piattaforma che hanno avuto successo.

L'algoritmo base di Ethereum

Analogamente al Bitcoin, Ethereum utilizza un algoritmo di sicurezza per crittografare ciascuna delle operazioni della Blockchain. Questi algoritmi trasformano le informazioni di ogni transazione (emittente, destinatario, data, quantità, ecc) in una stringa alfanumerica.

Questa stringa crittografata si chiama hash. Un esempio di hashing è il seguente:

0x979a47cdd7afd0468b3b2cb0943a4ab54bfaec226462ec95b8f2cbad9df72dcb.

L’algoritmo di sicurezza utilizzato da Ethereum è chiamato Ethash. È una miscela di protocolli SHA3, più potente del SHA2 utilizzata dal Bitcoin che richiede una maggior potenza di elaborazione per il mining. Per questo motivo, Ethereum viene normalmente estratto con GPU o schede grafiche.

È importante sottolineare che Ethereum non è anonimo. Sebbene i dati siano crittografati, le informazioni come il mittente e il wallet del destinatario sono pubbliche e possono essere visualizzate. Pertanto, Ethereum non può essere utilizzato per svolgere attività illegali.

Come si generano gli Ethereum

Gli Ether sono i “token” della rete Ethereum. È la valuta con cui si paga per i diversi servizi on-chain (esecuzione di contratti intelligenti) o off-chain (prodotti e servizi dell’economia reale).

Questi, come altre criptovalute, dipendono dal mining. I minatori sono responsabili dell’elaborazione delle transazioni di rete, mentre cercano di liberare i blocchi per risolvere problemi matematici la cui soluzione “fornisce” nuovi Ether come ricompensa. L’intenso processo computazionale alla base del mining degli Ether è quello che, a sua volta, protegge la rete dai tentativi di frode.

I minatori sono responsabili della verifica delle transazioni etere. Ogni 16 secondi verificano tutte le transazioni per formare “blocchi” e codificarli risolvendo algoritmi complessi. Questi blocchi sono collegati al blocco precedente, all’interno della blockchain. Per questo lavoro, i minatori vengono premiati.

Sulla piattaforma Ethereum, i minatori ricevono due tipi di ricompense: per blocco estratto e per gas. Questo è un vantaggio del mining di Ethereum vs Bitcoin, poiché in quest’ultimo ricevono ricompense solo per i blocchi di convalida.

Ogni volta che un blocco viene convalidato, il minatore riceve una ricompensa in Ether. All’inizio, all’origine di Ethereum, furono consegnati 5 eteri per blocco certificato. Nella fase attuale, nota come Metropolis, è stata ridotta a 3 Ether per blocco.


Per eseguire una transazione o un contratto intelligente, le parti devono pagare una commissione nota come “Gas”. Si può capire che il gas è un suggerimento che viene dato al minatore.

Normalmente, quando si effettua una transazione, viene pagato un limite di gas (il minimo è 21.000) e viene dato un prezzo a ciascuna unità di gas.

Il prezzo del gas Ethereum è misurato in Gigawei (Gwei), ovvero 0,000000001 etere. Il suo valore varia in base alla congestione della rete Ethereum.

La cosa normale è pagare il prezzo SafeLow. Cioè, il prezzo più basso che garantisce il completamento della transazione.

Puoi controllare il prezzo attuale del gas su ethgasstation.info. È anche possibile pagare un prezzo del gas più elevato rispetto al mercato. In questo modo la tua transazione avrà un trattamento prioritario e verrà risolta più rapidamente.

La commissione finale da pagare sarà il prezzo di Gas x Gas utilizzato (che sarà inferiore al limite scelto). L’esecuzione di operazioni più complesse, come i contratti intelligenti di Ethereum, richiede più risorse e, quindi, più gas.

Cos'è la Blockchain

Collegata al concetto di “tecnologie di contabilità distribuita”, la blockchain è presentata come un insieme di tecnologie (P2P, timestamp, crittografia, ecc.) che, combinate, consentono a computer e altri dispositivi di gestire le tue informazioni condividendo un registro distribuito, decentralizzato e sincronizzato tra tutti, invece di utilizzare i database tradizionali.

cosa è la blockchain

Nella blockchain quindi troviamo dei blocchi concatenati, che contengono al loro interno tutte le informazioni sulle transazioni effettuate che vengono identificate e segnate attraverso il timestamp.

Il timestamp, la marca temporale, è ciò che rende le transazioni della blockchain sicure. Una volta generata una nuova transazione viene marcata temporalmente, non essendo più possibile alterare o annullare l’operazione. Viene marcata la data e l’ora certa al documento, rendendo quindi ogni singola transazione tracciata pur rimanendo anonima.

Non confondiamo però il concetto di blockchain con Ethereum. Quest’ultimo è una moneta digitale che viene utilizzata per effettuare transazioni all’interno di una blockchain. La blockchain è un protocollo p2p o più semplicemente la tecnologia che sta alla base delle transazioni tra la maggior parte delle criptovalute, tra cui il Bitcoin, Ethereum, Litecoin, Ripple, ecc.

Quali sono i vantaggi di Ethereum

✅Sicurezza: la rete Ethereum è completamente immune agli interventi di terze parti, il che significa che tutte le applicazioni decentralizzate e i DAO distribuiti all’interno della rete non possono essere controllate da nessuno.

✅Organizzazione: ogni rete Blockchain è formata attorno a un principio di consenso, il che significa che tutti i nodi all’interno del sistema devono essere d’accordo su ogni cambiamento che avviene all’interno di esso. Ciò elimina le possibilità di frodi.

✅Decentralizzata: l’intera piattaforma è decentralizzata, il che significa che non esiste un singolo punto di vulnerabilità. Tutte le applicazioni rimarranno sempre online e non verranno mai disattivate.

Quali sono gli svantaggi di Ethereum

Grado di accettazione: Ethereum, come il Bitcoin, è ancora utilizzato da poche persone. Dalla sua parte però, Ethereum, permettendo la negoziazione di smart contract, avrà probabilmente più seguito da parte di aziende e startup.

❎Volatilità: come tutte le criptovalute, anche Ethereum soffre di un’altissima volatilità. Questa porta a forti oscillazioni di prezzo anche nel breve periodo.

Sviluppo in corso: Ethereum è un sistema piuttosto recente e quindi in continuo cambiamento. Come succede per il Bitcoin, Ethereum è ancora in fase di maturazione.

Cosa determina il prezzo di Ethereum

Il prezzo di Ethereum, come per il Bitcoin, è determinato dalla domanda e dall’offerta. Quando la domanda di Ethereum aumenta, il prezzo aumenta e quando la domanda diminuisce, il prezzo diminuisce.

Mentre nel caso del Bitcoin il limite massimo di unità in circolazione raggiungerà una quota pari a 21 milioni, nel caso di Ethereum non c’è un massimo a questo numero. Gli Ether possono essere minati per un massimo di 18 milioni all’anno.

Dove si conservano gli Ethereum

Innanzitutto, prima di acquistare degli Ethereum, è necessario avere un “posto” dove conservarli. Nel mondo delle criptovalute, quel posto si chiama wallet (portafogli) e si presenta in una varietà di forme con diverse opzioni di sicurezza, archiviazione e accesso.

Tecnicamente il wallet non memorizza i tuoi Ethereum, ma le chiavi digitali private che sono necessarie per firmare una transazione. Senza di queste l’utente perde, in sostanza, l’accesso ai suoi Ethereum.

I wallet per Ethereum

I wallet (o portafogli digitali) che possono contenere criptovalute Ethereum (e altre criptovalute) si possono classificare in:

  • Hot wallet: portafogli online che sono permanentemente connessi a una rete peer to peer.
  • Cold wallet: portafogli che possono funzionare senza una connessione Internet e sono quindi più sicuri.

Attualmente ci sono 5 tipi di wallet digitali in cui possiamo depositare Ethereum:

  • Portafoglio desktop
  • Portafoglio mobile
  • Portafoglio Web
  • Portafoglio di carta
  • Portafoglio hardware

Ti suggeriamo di continuare a leggere nella nostra sezione dove parliamo dei Walletclicca qui

ledger nano x miglior wallet bitcoin

Tra i migliori wallet di tipo hardware raccomandiamo in assoluto il Ledger Nano X.

Come si comprano gli Ethereum

Comprare Ethereum è relativamente facile, ti basterà in pratica trovare un sito o una piattaforma di scambi di valore. I più famosi ed usati in Italia sono: Changelly, LocalBitcoins, Cex.io, Coinbase, ecc.

Con LocalBitcoins potrai fare dei veri e propri scambi tra utenti che vogliono comprare o vendere Ethereum, una sorta di ebay delle criptovalute. Con Changelly e Cex.io acquistiamo Ethereum facilmente con una lettera di credito (Visa o Mastercard), ma anche paypal, Superflash, Skrill.

La piattaforma Coinbase, che dispone anche di semplice app da usare su IOS e Android, è forse una tra i servizi più intuitivi da utilizzare. Su coinbase è poi possibile richiedere una carta di debito del tuo conto in criptovalute, utilizzabile come qualsiasi altra carta di debito.Best referral code coupon coinbase bitcoin cryptos 10$

➡️Qui ti spieghiamo come comprare Ethereum e criptovalute su Coinbase ed avere 25$ in Bitcoin gratis con il nostro referral code… clicca qui

Tra i migliori servizi per l’acquisto e lo scambio di Ethereum e altre criptovalute dobbiamo assolutamente menzionare Crypto.com, la cui app è scaricabile per IOS e Android. Anche qui, come nel caso di Coinbase, è possibile richiedere una carta di debito (ci sono vari tipi di carte di debito e qui te lo spieghiamo). Infine sulla piattaforma è possibile fare staking delle proprie criptovalute e guadagnare interessi.Best referral code coupon crypto.com bitcoin cryptos 50$

➡️💸Qui ti spieghiamo come funziona Crypto.com, lo staking… e su come avere 50€ in criptovalute MCO gratis con il nostro referral code… clicca qui

Come si trasferiscono gli Ethereum

Gli Ethereum, come i Bitcoin, possono essere trasferiti grazie a delle chiavi digitali, una sorta di coordinate.

Puoi trasferire ETH tramite:

  • Wallet software
  • Wallet cartaceo
  • Trasferimento attraverso un wallet ospitato altrove (Coinbase, Luno, ecc)

Carte di credito per Ethereum

Si, è possibile avere una carta di credito/debito dove poter conservare e spendere i tuoi Ethereum.

➡️💸Qui ti spieghiamo come funzionano le 3 migliori carte di credito per Ethereum e criptovalute… clicca qui

Differenze tra Ethereum e Bitcoin

Ethereum e Bitcoin condividono molte somiglianze. Cercheremo quindi di evidenziare le principali differenze tra le due cruptovalute.

La prima risiede negli obiettivi e negli scopi di ciascuno di questi progetti. Bitcoin mira ad essere un deposito di ricchezza, cioè una sorta di oro digitale, per diventare in futuro una valuta che può essere adottata su scala globale e che può sostituire il denaro convenzionale, almeno in una certa misura. L’obiettivo di Ethereum, tuttavia, è quello di diventare una piattaforma su cui possano essere eseguiti degli smart contract (contratti intelligenti) e applicazioni decentralizzate.

Un’altra differenza sostanziale risiede nell’offerta. Il numero massimo di Bitcoin da produrre è noto per essere fissato a 21 milioni, mentre non esiste un limite al numero di Ethereum da emettere. Ciò significa che, nel caso del primo, si tratta di un sistema deflazionistico, ogni unità dovrebbe avere più valore, mentre la seconda è inflazionistica, più unità genera, meno valore avrà.

Vogliamo usare la criptovaluta per comprare o semplicemente per investire? Qui sta una delle differenze nella scelta di Bitcoin o Ethereum.

Un’altra differenza tra le due valute digitali è quella del ricalcolo del ciclo di difficoltà, ovvero il tempo necessario per informare la rete del nuovo valore. Nel caso di Bitcoin ci vogliono 2016 blocchi, mentre Ethereum lo fa ogni blocco (circa ogni 16 secondi). Questo, tuttavia, è qualcosa che sta aumentando poiché ci sono sempre più dispositivi collegati alla rete per eseguire test di mining.

La dimensione del blocco in Bitcoin è limitata a 1 Mb, mentre in Ethereum non ci sono limiti definiti finora. Ogni blocco ha tutte le nuove transazioni che sono state fatte. Come abbiamo visto, in Bitcoin raccoglie le transazioni degli ultimi 10 minuti circa, mentre in Ethereum sono circa 16 secondi.

Anche se nella fase iniziale del loro sviluppo i due progetti possono essere abbastanza simili tuttavia, man mano che crescono e maturano, le differenze potrebbero diventare molto più evidenti e influenzare le loro traiettorie in modo molto diverso.

Cosa sono gli smart contracts

Ethereum ha una sua caratteristica che, almeno per il momento, non ha Bitcoin: gli smart contracts. Questi contratti portano un marchio chiamato “token” e identifica in modo univoco ciascuno dei contratti che vengono stipulati. È vero che con Bitcoin è possibile fare tipi di contratti con timestamp, ad esempio, ma non ha le stesse caratteristiche.

Lo smart contract funziona come un “contratto intelligente” e non è altro che un pezzo di codice software che viene eseguito in modo trasparente per l’utente e che include una transazione finanziaria. In questo caso Ethereum garantisce la possibilità di creare software distribuiti senza limitazioni e che funzionano sulla blockchain.

Ma a cosa servono questi contratti intelligenti? La sua utilità è molto ampia, ma una delle principali è che possiamo fare cose che un normale sistema bancario consente, come l’acquisto di prodotti come l’assicurazione. Certo, senza intermediari. Un esempio potrebbe essere l’assicurazione auto in cui paghiamo una tassa e in caso di incidente l’assicurazione copre i costi. Questo impegno si basa sulla fiducia che l’azienda pagherà.

Con un contratto intelligente, non ci si deve fidare di nessuno, poiché i soldi derivanti dall’impegno del pagamento e il primo sono collegati in questo contratto che viene eseguito automaticamente.

Quindi Ethereum è una valida opzione per startups e aziende in via di sviluppo.

cosa è ripple come dove comprare

Cosa è Ripple

cosa è bitcoin dove comprare

Cosa è il Bitcoin