in

Commissioni di Ethereum più alte rispetto a Bitcoin per due mesi consecutivi

Per due mesi consecutivi, le commissioni di Ethereum (ETH) hanno superato quelle sul network di Bitcoin (BTC).

In un tweet dell’8 ottobre, l’aggregatore di dati crypto Messari ha commentato il record, sottolineando che si tratta del periodo più lungo nella storia di Ethereum in cui le entrate provenienti dalle commissioni hanno superato quelle di Bitcoin.

“Le commissioni di Ethereum sono state più alte delle commissioni di Bitcoin per 2 mesi di fila. È il periodo più lungo di sempre.”

Nel mese di agosto, i costi d’utilizzo di Ethereum sono saliti alle stelle segnando nuovi massimi storici, mentre la bolla della finanza decentralizzata (DeFi) iniziava a ingranare la quinta. Gli smart contract su cui si basano i protocolli DeFi richiedono solitamente l’esecuzione di diverse transazioni Ethereum, aggravando la congestione del network.

Al momento, le commissioni medie di Ethereum si trovano a circa 2$, dopo il massimo da record di 14$ raggiunto a settembre.

L’impennata dei costi di transazione ha riacceso il forte dibattito nella comunità Ethereum sui modi in cui il network dovrebbe adattarsi prima del lancio completo di ETH 2.0, attualmente programmato per il 2022.

L’8 ottobre, lo sviluppatore di ConsenSys Tim Beiko ha pubblicato i risultati di un sondaggio sulle opinioni di 25 team che stanno sviluppando prodotti su Ethereum. La ricerca ha chiesto il parere dei partecipanti in merito all’Ethereum Improvement Proposal (EIP)-1559.

EIP-1559 propone di riformare il mercato delle commissioni per adottare una commissione network a tasso fisso per ogni blocco includendo una piccola aggiunta per i miner. Una porzione delle commissioni verrebbe bruciata in base ai livelli di congestione al momento della creazione del blocco.

Tra gli intervistati, il 60% si è espresso a favore dell’EIP-1559, mentre circa il 13% ha risposto negativamente, e il 27% con pareri neutrali. I team includono exchange, wallet, applicazioni on-chain e miner. Gli sviluppatori hanno risposto favorevolmente alla prevedibilità del gas price e al meccanismo di burn introdotti dall’EIP-1559. Beiko ha commentato:

“I principali vantaggi che i progetti vedono in EIP-1559 sono la prevedibilità dei gas price, soprattutto per i progetti che li impostano a nome dei loro utenti, e il fatto che gli ETH vengono bruciati in ogni transazione.”

Tuttavia, i dubbi più diffusi per quanto riguarda l’EIP-1559 includono il possibile impatto sulle entrate dei miner, preoccupazioni per la sua implementazione e la mancanza di specifiche formali relative alla proposta.

Come prevedibile, otto delle nove società di mining intervistate hanno affermato che respingeranno l’EIP-1559 se questo viene introdotto come un hard fork.



Source link

che vinca Trump o Biden, l’oro arriverà a 4.000$

Un ricercatore contesta il modello Stock-to-Flow, paragona BTC a un ‘titolo tecnologico’