in

Chef Nomi ha restituito tutti i fondi alla comunità di SushiSwap

In un sorprendente colpo di scena, l’ex leader di SushiSwap, conosciuto su Twitter con il nome di Chef Nomi, si è scusato per i suoi errori e ha restituito i 14 milioni di dollari presi dal fondo dedicato allo sviluppo del progetto.

L’11 settembre, Nomi ha pubblicato un thread spiegando:

“A tutti. Ho sbagliato. E mi dispiace.”

Il 6 settembre, si è diffusa la notizia che Nomi aveva trasferito al CEO dell’exchange FTX, Sam Bankman-Fried, il controllo del progetto SushiSwap, ma non prima di sottrarre circa 13 milioni di dollari. Questi soldi, controllati esclusivamente da Nomi, facevano parte di un fondo da 27 milioni di dollari dedicato agli sviluppatori e volto a sostenere il progetto nascente.

In risposta alle azioni di Nomi, Bankman-Fried ha detto a Cointelegraph:

“Sono estremamente felice che Nomi abbia restituito gli ETH; era la cosa giusta da fare. Non dobbiamo dimenticare quello che ha fatto, ma occorre anche considerare che alla fine ha fatto la cosa giusta.”

Nomi ha restituito i fondi, scusandosi con tutta la comunità e con diversi individui. “Mi scuso per i problemi che potrei aver causato,” ha scritto in un tweet rivolto al crypto exchange Binance e al CTO di Band Protocol, Sorawit Suriyakarn. “Mi scuso per essere stato arrogante,” ha aggiunto. “Siete degli sviluppatori fantastici.

Grazie per il tuo aiuto nel salvare SushiSwap quando l’ho quasi distrutto,ha scritto Nomi rivolgendosi a Bankman-Fried, scusandosi anche con altre persone, tra cui Adam Cochran, un partner presso Cinneamhain Ventures che ha espresso pubblicamente diversi dubbi sul progetto di SUSHI.

Inoltre, Nomi ha dichiarato:

“Ho restituito tutti i 14 milioni di dollari in ETH alla tesoreria. E lascerò che sia la comunità a decidere quanto mi spetta come creatore originale di SushiSwap. In qualsiasi valuta (ETH/SUSHI/ecc.). Con qualsiasi programma di sblocco.”

L’ex leader di SushiSwap ha aggiunto che vorrebbe continuare ad aiutare a sviluppare la tecnologia del progetto da dietro le quinte. Resta da vedere se la comunità accetterà questa offerta.



Source link

La Bitcoin Association of Hong Kong ha lanciato la campagna pubblicitaria ‘Bitcoin Tram’

A partire da giugno, il traffico di criptovalute in Corea è notevolmente aumentato