in

‘Bitcoin sta diventando un investimento sempre meno rischioso’

Bitcoin (BTC) ha acquisito notevole notorietà nei dieci anni trascorsi dal suo lancio nel 2009. Importanti player mainstream come MicroStrategy hanno recentemente iniziato a investire grandi somme di denaro nell’asset, secondo alcuni normalizzandolo agli occhi del grande pubblico. Mike Novogratz, CEO di Galaxy Digital, ha dichiarato che Bitcoin è ora un investimento finanziario ovvio.

Novogratz ha scritto in un tweet del 27 ottobre:

“Dal punto di vista del rischio, è più facile scommettere su BTC oggi di quanto non lo sia mai stato. È un processo [di normalizzazione] che va avanti ogni giorno”. 

Abbiamo chiesto a Marcel Pechman, specialista di Cointelegraph che si occupa dei mercati, di commentare il tweet di Novogratz. Ci ha risposto così: 

“L’indice Sharpe regola i rendimenti in base alla volatilità. Se correggiamo l’andamento in questo modo, Bitcoin ha presentato un miglior rendimento a uno o due anni rispetto a tutte le altre classi di asset. Pochi investitori si aspettano che l’oro si riprenda del 60%, ma non è mai sceso al di sotto del -8%.”

Anche se MicroStrategy ha acquistato più 400 milioni di dollari di BTC negli ultimi mesi, non è l’unico gigante mainstream ad essersi avvicinato al mondo Bitcoin: secondo un annuncio dell’8 ottobre, Square, guidata dal CEO di Twitter Jack Dorsey, ha comprato 50 milioni di dollari di Bitcoin. Inoltre, dopo aver rivelato di possedere BTC a maggio 2020, il miliardario Paul Tudor Jones ha paragonato l’asset ad un investimento in Apple prima del boom. 

A fronte del suo sempre maggior peso nella finanza mainstream, causato anche dall’aumento dei prodotti di trading tradizionali che si stanno costruendo attorno ad esso, è molto più facile che Bitcoin acquisisca notorietà finanziaria oggi rispetto a qualche anno fa. Anche se originariamente era stato concepito come una forma alternativa di valuta, negli ultimi anni sembra essersi consolidata l’idea di Bitcoin come riserva di valore e opzione di investimento. 

Novogratz, in un’intervista a Bloomberg TV andata in onda il 23 ottobre, ha dichiarato:

“Non credo che Bitcoin sarà utilizzato come valuta transazionale nei prossimi cinque anni. BTC viene usato come riserva di valore. La gente si preoccupa del fatto che le banche centrali di tutto il mondo stiano svalutando le monete fiat”. 

Il governo degli Stati Uniti, per esempio, ha stampato una quantità enorme di moneta nel 2020, anche a causa della pandemia causata dal COVID-19. Pur motivata, questa è una decisione che potrebbe alla fine diminuire il valore del dollaro americano nel suo complesso. 



Source link

un market cap da 1.000 miliardi è una previsione conservativa per Bitcoin

Bitcoin non è una soluzione per l’inclusione finanziaria