in

Bitcoin potrebbe presto assistere a un picco di volatilità comparabile a quello del 2016

Per la prima volta dal 2016, la Larghezza delle Bande di Bollinger su Bitcoin (BTC) è scesa sotto lo 0,95. Le Bande di Bollinger sono un indicatore tecnico ampiamente utilizzato che valuta l’andamento della volatilità di un asset. Recenti letture potrebbero suggerire l’arrivo imminente di un enorme picco di volatilità.

Dal 2019 al 2020, il prezzo di Bitcoin è rimasto relativamente stabile. BTC si è mosso all’interno di un range tra 6.000$ e 12.000$, fatta eccezione per un crollo sotto i 3.600$ avvenuto a marzo di quest’anno.

Grafico mensile di Bitcoin con la Larghezza delle Bande di Bollinger

Grafico mensile di Bitcoin con la Larghezza delle Bande di Bollinger. Fonte: TradingView.com, Nunya Bizinz

Se l’indicatore traccia un pattern simile a quello visto nel 2016, la volatilità di Bitcoin potrebbe aumentare gradualmente nell’arco dei prossimi mesi.

Il ciclo rialzista post-halving di Bitcoin inizia a materializzarsi?

Le Bande di Bollinger utilizzano la media mobile del grafico di un asset per determinare un range di volatilità.

Quando BTC diventa più volatile, le Bande di Bollinger si allargano, indicando la formazione di range di prezzo più ampio. Se BTC diventa meno volatile, le bande si stringono, suggerendo un range più limitato.

La ragione principale per cui la vicinanza tra le Bande di Bollinger indica un picco di volatilità è probabilmente il fatto che il range si sta stringendo sempre di più.

Se Bitcoin segna movimenti rialzisti o ribassisti all’interno di un range stretto, aumentano le possibilità di un breakout dal range, sia questo verso l’alto o verso il basso.

Ad esempio, sarebbe difficile per BTC uscire dal range tra 9.000$ e 12.000$, in quanto si tratta di un intervallo piuttosto largo che richiederebbe una pressione d’acquisto o di vendita significativa per superarne i limiti. Al contrario, se il range è compreso tra 10.000$ e 11.000$, aumentano le probabilità che venga spezzato al rialzo o al ribasso.

Secondo il Bitcoin trader Nunya Bizniz, le Bande di Bollinger per il grafico mensile di Bitcoin non sono mai state così strette.

Questo grafico presenta dati a partire dal 2013, quando non esisteva ancora un mercato di scambio appropriato. Quindi, sostanzialmente comprende la maggior parte dei cicli di prezzo storici tracciati da BTC.

La Larghezza delle Bande di Bollinger sta raggiungendo una zona senza precedenti che BTC non ha mai esplorato. Considerando il trend, Bizniz ha suggerito che la volatilità potrebbe essere in arrivo.

“BTC mensile: la Larghezza delle Bande di Bollinger non è mai stata così stretta. Volatilità in arrivo?”

Anche gli investitori prevedono un aumento della volatilità

Bitcoin è rimasto stabile per un lungo periodo all’interno di un range tra 10.500$ e 11.000$. Pertanto, gli investitori iniziano a pronosticare l’arrivo di un forte movimento nel prezzo di BTC.

La volatilità a 30 giorni storica di Bitcoin

La volatilità a 30 giorni storica di Bitcoin. Fonte: Raoul Pal

Raoul Pal, CEO di Global Macro Investor e Real Vision Group, crede che presto assisteremo a una “grande mossa”:

“La volatilità a 30 giorni storica di Bitcoin è in rapido calo e si trova in prossimità del 20%. In passato, ha toccato il valore di 20% 7 volte. In 6 di queste, i prezzi sono immediatamente esplosi verso l’alto e la volatilità ha toccato l’80% nel giro di qualche mese. 1 volta (novembre 2018), i prezzi sono crollati bruscamente. In ogni caso, si avvicina una grande mossa.”



Source link

Noto produttore musicale acquista il suo primo Bitcoin

La DeFi è morta o è ancora il futuro della finanza? Il parere degli esperti