in

Bitcoin è sufficiente, Satoshi dovrebbe restarne fuori

In un’intervista rilasciata a Cointelegraph, Adam Back ha fatto maggior chiarezza sul suo percepito massimalismo nei confronti di Bitcoin (BTC). Il CEO di Blockstream crede che BTC sia sufficiente, e non ci sia bisogno di una moltitudine di progetti derivati.

A tal proposito, Back ha dichiarato:

“Credo che ci troviamo in una situazione simile al TCP/IP di internet. Non ci servono 5800 copie di TCP/IP che cercano di monetizzare e approfittarsi di ‘pumpanomics’ o meccanismi simili. Ne sminuiscono il valore (mi sembra di capire ci siano circa 5.800 altcoin al momento)”.

In seguito, ha affermato che gli innovatori dovrebbero concentrarsi invece su Bitcoin:

“È modulare, puoi usarlo per costruire tutto quello che vuoi. Se stai cercando di innovare, innova pure. […] Bitcoin è denaro elettronico di Internet.”

A proposito delle voci su Satoshi, Back ha commentato che sarebbe poco saggio per l’ideatore di BTC rivelare la propria identità:

“Non credo che sarebbe una buona idea né per lui né per Bitcoin.”

Comunque, Back è d’accordo sul fatto che, se anche Satoshi dovesse fare ritorno, probabilmente non riuscirebbe a riprendere il controllo dello sviluppo di Bitcoin:

“Sì, credo che Bitcoin sia abbastanza decentralizzato da respingere le idee di Satoshi anche se dovesse impazzire.”

È apparso evidente che l’avversione di Back per i progetti ICO non si è esaurita quando abbiamo fatto notare che una delle criptovalute da lui recentemente criticate — Cardano (ADA) — si vanta di applicare un approccio scientifico allo sviluppo.

Back ha risposto:

“Preferirei non esprimermi in merito a progetti in quanto sono sempre alla ricerca di citazioni per farsi pubblicità.”

Ha inoltre raccontato che in passato i critici di alcune altcoin hanno persino ricevuto minacce di morte:

“Date un’occhiata alle critiche che alcuni volontari non finanziati ricevono solo per aver rilasciato commenti sulle considerazioni etiche e sul disallineamento di incentivi da diversi miliardi di dollari. La gente di cui parlate riceve enormi finanziamenti, è piena zeppa dei soldi degli investitori retail ed è pronta a ricominciare da capo con la moneta successiva.”

Per concludere, abbiamo chiesto a Back se ci sono dei progetti crypto o blockchain, oltre a Bitcoin, che apprezza. Dopo aver elencato alcune tecnologie che valuta positivamente, si è rifiutato nuovamente di fare nomi:

“Ci sono alcune tecnologie che mi piacciono, nella sicurezza formale, in crittografia come le Bulletproof, Simplicity (smart-contract formali dimostrabili), alcune tecnologie per la privacy. Preferisco non fare nomi di monete anche se alcune hanno implementato tecnologie che ho inventato nel corso degli anni.”

Probabilmente il massimalismo di Back non lo aiuterà a farsi molti amici nel settore crypto. Tuttavia, considerando il dominio di Blockstream sul dialogo in tema Bitcoin, forse non ha bisogno di amici ma solo di seguaci.

Source link

Come non perdere tutto nella prossima bull run

La crescita della DeFi potrebbe portare il prezzo di Chainlink a 32$