in

Bitcoin a 500.000$ è inevitabile, sostengono i fratelli Winklevoss

Tyler e Cameron Winklevoss, fondatori dell’exchange di criptovalute Gemini, ritengono che prima o poi Bitcoin (BTC) raggiungerà un prezzo di 500.000$ per moneta.

Durante un’intervista con Peter McCormack, presentatore del podcast “What Bitcoin Did”, Tyler ha affermato:

“A nostro parere la domanda non è se arriverà a 500.000$, ma quanto velocemente. Direi che Bitcoin a 500.000$ è in realtà una previsione abbastanza prudente, i giochi non sono ancora nemmeno iniziati.”

MicroStrategy e altre importanti società d’investimento hanno già acquistato ingenti quantità di Bitcoin, indicando un probabile mutamento del mercato.

E se ogni compagnia Fortune 100 o 500 investisse in Bitcoin? E se pure le banche centrali iniziassero a farlo?“, ha domandato Cameron. “I giochi non sono ancora iniziati“:

“Wall Street non è ancora entrata nel settore. Le istituzioni non sono ancora in Bitcoin. Per gli ultimi dieci anni, si è trattato di un fenomeno quasi unicamente retail.

Wall Street ne parla, ne è consapevole, ma dal nostro punto di vista non è ancora pienamente dentro. Ma sta iniziando ad accadere.”

Alla base di questa intervista vi era un report pubblicato da Tyler e Cameron ad agosto di quest’anno, dal titolo “The Case for $500K Bitcoin”. I due fratelli avevano iniziato a lavorare al report già a gennaio 2020, ha svelato Cameron durante l’intervista:

“Abbiamo iniziato a pensare a ciò che il governo ha fatto con il dollaro statunitense negli ultimi dieci anni, a cosa ha fatto con coperture e riserve di valore.”

I due fratelli avevano interrotto i lavori a marzo, quando la pandemia ha iniziato a diffondersi in tutto il pianeta. Hanno ripreso diversi mesi dopo, una volta valutati i cambiamenti economici causati dal COVID.

Nonostante il numero crescente di previsioni rialziste emerse per tutto il 2020, alcuni, come il noto sostenitore dell’oro Peter Schiff, rimangono scettici sul futuro della criptovaluta.

Source link

Bitcoin Generation Inc.: mining, trading e misteri

La Russia non ha bisogno di essere la prima nazione ad emettere una CBDC