in

‘Altre società seguiranno’ — le azioni MSTR guadagnano il 9% dopo l’acquisto di Bitcoin

MicroStrategy (MSTR), società quotata nel Nasdaq, continua a comprare Bitcoin (BTC) per centinaia di milioni di dollari, provocando un aumento di oltre il 9% del prezzo delle sue azioni nella giornata del 16 settembre.

Le azioni MSTR tornano a livelli pre-Covid dopo l’acquisto di Bitcoin

L’11 agosto, MicroStrategy ha annunciato per la prima volta l’acquisto di Bitcoin, portando il prezzo delle sue azioni a guadagnare più del 10%.

Ora il prezzo di MSTR è aumentato di nuovo in modo simile, in seguito alla conferma di ieri in merito all’intento di adottare un “Bitcoin standard,” comprando oltre 38.000 BTC per un equivalente di 425 milioni di dollari a un prezzo medio di 11.111$.

“Abbiamo avuto una terribile epifania, realizzando che eravamo seduti in cima a un cubetto di ghiaccio da 500 milioni di dollari che si sta sciogliendo,” ha spiegato il CEO Michael Saylor a Coindesk.

“Questa non è né una speculazione né una copertura. È stata una strategia aziendale deliberata per adottare un Bitcoin standard.”

Prezzo delle azioni MSTR

Prezzo delle azioni MSTR. Fonte: TradingView.com

Datavetaren, un ingegnere software pseudonimo, ha affermato che altre compagnie seguiranno l’esempio di MicroStrategy:

“MicroStrategy sta adottando un #Bitcoin standard. Altre compagnie seguiranno. Alla fine, si uniranno anche le banche centrali (la Svizzera sarà probabilmente la prima). Un nuovo gold standard per l’era digitale. Una riserva di valore neutrale introdurrà più controlli e contrappesi sui governi.”

Quali sono i rischi della strategia di accumulo di Bitcoin messa in atto da MicroStrategy?

Secondo Joe Weisenthal, il conduttore di “What’d You Miss?” su Bloomberg, a partire dal 2013 le entrate di MicroStrategy hanno tracciato un costante declino.

Entrate di MicroStrategy dal 2011

Entrate di MicroStrategy dal 2011. Fonte: Joe Weisenthal

La compagnia aveva bisogno di nuovi modi per rialzarsi. Acquisire esposizione a Bitcoin e rendere BTC la sua valuta di riserva primaria stanno diventando rapidamente una delle sue principali strategie.

In genere, i beni rifugio come l’oro e gli immobili sono percepiti come una copertura contro l’inflazione. Sono più simili a un’assicurazione che a un investimento, offrendo un maggiore equilibrio ai portafogli.

Bitcoin ha il potenziale per ottenere entrambi; potrebbe agire da copertura contro l’inflazione e potenzialmente superare nel tempo molte classi di asset.

Barry Silbert, CEO di Grayscale, ha affermato che l’acquisto potrebbe diventare la decisione peggiore o migliore di sempre per la compagnia.

MicroStrategy sta assumendo un enorme quantità di rischio per ottenere una quantità di BTC così grande. Tuttavia, se la criptovaluta aumenta a dismisura nel lungo termine, potrebbe costituire un importante catalizzatore per il titolo. Silbert ha aggiunto:

“Questa passerà alla storia come una delle decisioni migliori o peggiori di sempre prese da un CEO. Verranno scritti casi di studio e libri al riguardo. In ogni caso, c’è voluto del fegato per il CEO di una società quotata e apprezzo il suo coraggio.”

Non celebrate le azioni MSTR come un ETF sottobanco

Un giudizio problematico legato alle azioni MSTR sta nel fatto che alcuni le considerano uno stratagemma per creare un exchange-traded fund (ETF).

Anche se la compagnia possiede una grande esposizione a Bitcoin, Jake Chervinskey, consulente generale di Compound Finance, ha spiegato che tale escamotage è inesistente. Inoltre, ha fatto notare che se la società continua a comprare BTC, la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense potrebbe iniziare a indagare a riguardo:

“No, non c’è nessun cavillo nelle leggi federali sulle security che consente a una società quotata di convertirsi in un ETF Bitcoin senza l’approvazione della SEC. Più Bitcoin $MSTR compra, più sarà probabile che la SEC inizi a fare domande a cui il @Nasdaq non vuole rispondere.”



Source link

Unstoppable Domains, ecco le email decentralizzate

Presunto schema Ponzi crypto congela i fondi degli utenti spagnoli