in

5 cose da osservare in Bitcoin questa settimana

Bitcoin (BTC) inizia una nuova settimana in prossimità dei suoi record di prezzo, ma per quanto ancora riuscirà a mantenere questo slancio? Dopo un week-end proficuo, la principale criptovaluta sta assistendo a risultati contrastanti all’inizio di una nuova settimana di trading in Wall Street.

Cointelegraph prende in esame cinque fattori che potrebbero influenzare la direzione di BTC/USD nei prossimi giorni.

La crescita in Cina e le azioni in difficoltà

La giornata di lunedì presenta un quadro contraddittorio per i mercati macro, senza una chiara narrativa che determini i possibili effetti a catena per gli asset rischiosi.

Mentre i rendimenti obbligazionari ostacolano i future statunitensi, dall’altra parte del mondo l’Asia sembra andare a gonfie vele, come rivelano i report di una crescita incredibile in Cina per i primi mesi del 2021.

Come riferito da Bloomberg, i dati appaiono più positivi in quanto sono confrontati con lo stesso periodo dell’anno scorso, in cui la Cina era in lockdown per contrastare il Coronavirus. Sia la produzione industriale che le vendite retail hanno superato gli obiettivi del 32%, aumentando rispettivamente del 35% e del 33,8%.

Tuttavia, le preoccupazioni sulla liquidità relative alla banca centrale cinese, la People’s Bank of China (PBoC), hanno tenuto sotto controllo il sentiment complessivo.

Dall’inizio dell’anno, la PBoC ha prosciugato oltre 600 miliardi di yuan netti dal mercato per contenere bolle finanziarie,” ha spiegato a Bloomberg un economista dell’Australia & New Zealand Banking Group, Xing Zhaopeng.

Gli economisti prevedono che la Fed raggiungerà 50bps entro il 2023, ma anticipano anche che la previsione della CenBank statunitense, che verrà pubblicata mercoledì durante la prossima sessione, mostrerà il tasso medio ufficiale della Fed vicino allo zero per il resto dell’anno,ha riassunto lunedì il commentatore di mercato Holger Zschaepitz.

Gli USA distribuiscono i nuovi assegni di sussidio

Nel frattempo, per gli investitori retail statunitensi, il breve termine è dominato da una sola questione macro: gli assegni di sussidio.

Dopo il via libera dei legislatori, i cittadini idonei hanno ricevuto pagamenti diretti da 1.400$ nell’ambito del piano di stimolo da 1.900 miliardi di dollari: una misura che qualcuno descrive già come “pubblicità per Bitcoin.

La mossa amplia l’enorme montagna del debito statunitense, già superiore a 28.000 miliardi di dollari prima della sua approvazione, e segnala un ritorno all’inflazione nonostante la Fed insista che il rischio di tale scenario rimanga minimo.

Grafico del bilancio della Fed. Fonte: Federal Reserve

Al momento, ai sostenitori di Bitcoin interessa solo quanto di questa recente ondata di fiat finirà nell’ecosistema crypto.

Milioni di persone molto contenti che il governo abbia approvato il pacchetto di stimolo da 1.900 miliardi di dollari. Chi non sarebbe contento di ricevere denaro gratis,ha commentato nel weekend Robert Kiyosaki, autore del famoso libro Rich Dad Poor Dad.

“Il problema è che il denaro gratis rende le classi povere e medie ancora più povere. Comprate più oro, argento e Bitcoin.”

Il governo statunitense ha avviato la distribuzione il 14 marzo, ma gli ultimi aggiornamenti suggeriscono che molti dovranno aspettare almeno fino a mercoledì per ricevere il proprio assegno.

Lo scorso anno, con Bitcoin a una frazione del suo prezzo attuale e la sua popolarità molto più bassa, Coinbase ha registrato un picco di acquisti esattamente equivalenti all’importo del primo assegno di sussidio. Questa volta, le condizioni sono molto più favorevoli per un’improvvisa scossa di investimento dal settore retail.

A differenza del 2020, sottolinea l’analista Lyn Alden, il tempismo del terzo round di pagamento potrebbe rendere i beneficiari più disposti a scommettere su investimenti alternativi.

Il terzo round degli assegni di sussidio verrà distribuito mentre il picco di reddito generato dal secondo round di assegni sta ancora spingendo il reddito personale sopra il trend,ha twittato Alden sabato.

“Al contrario, il secondo round di assegni non è stato distribuito fino a quando l’effetto del primo round di assegni e dei sussidi di disoccupazione non si è esaurito.”

La pressione delle whale colpisce gli exchange

Parlando di Bitcoin, la giornata di lunedì si sta già dimostrando difficile per i trader.

Dopo aver toccato un massimo storico a 61.700$ nel weekend, Bitcoin non è riuscito a mantenere il suo slancio rialzista, ritirandosi al di sotto dei 60.000$.

Grafico orario di BTC/USD (Bitstamp)
Grafico orario di BTC/USD (Bitstamp). Fonte: Tradingview

BTC/USD sembra aver segnato il suo minimo locale a 55.390$, dopo aver perso il supporto offerto dal precedente massimo storico a 58.300$. Al momento della stesura, Bitcoin ha recuperato parte del terreno perduto e si aggira intorno ai 57.000$.

La causa di questo drastico calo potrebbe essere un fattore familiare. Come ha rivelato la risorsa di analisi on-chain CryptoQuant, le riserve sugli exchange stanno aumentando verso i livelli più alti raggiunti nell’ultimo mese, interrompendo un trend che fino a domenica vedeva i trader prelevare BTC destinati al cold storage.

Se la pressione di vendita dovrebbe tornare nel mercato, porterebbe alla naturale conseguenza di una correzione del prezzo. Stando ai dati, Gemini sembra aver registrato un afflusso significativo, indicando che un trader professionista, probabilmente una whale, è pronto a liberarsi in parte o del tutto delle sue posizioni.

Saldo di Bitcoin sugli exchange vs. grafico di BTC/USD
Saldo di Bitcoin sugli exchange vs. grafico di BTC/USD. Fonte: CryptoQuant/ Tradingview

Questo deposito da 18.000 BTC è reale e indica una transazione tra wallet di deposito dell’utente e hot wallet di Gemini,ha commentato Ki Young Ju, il CEO di CryptoQuant.

“La media degli afflussi su tutti gli exchange è salita alle stelle a causa di questo deposito. Se hai una posizione long fai attenzione alla tua leva.”

Come segnalato da Cointelegraph, questa pratica è tutt’altro che rara, ma considerando gli importi in questione il sentiment del mercato può comunque esserne influenzato.

A febbraio, un altro sell-off delle whale ha accompagnato l’ultima grande correzione dai massimi storici di Bitcoin, tracciando un calo del 20% dal record a 58.300$.

Le monete arrivano alle mani forti

A differenza delle turbolenze su intervalli più brevi, i dati mostrano che nel week-end grandi quantità di Bitcoin hanno lasciato il mercato.

Secondo la risorsa di monitoraggio Glassnode, la giornata di domenica in particolare ha visto un enorme allontanamento dall’offerta liquida, mentre i nuovi massimi storici non sono riusciti a intaccare l’entusiasmo degli investitori.

In precedenza, la società ha sottolineato che i compratori hanno una tendenza storica a conservare monete per il lungo termine invece di vendere a causa di fenomeni temporanei nel mercato, come l’arrivo di Bitcoin a un prezzo specifico.

Cambiamento dell’offerta liquida di Bitcoin vs. grafico di BTC/USD
Cambiamento dell’offerta liquida di Bitcoin vs. grafico di BTC/USD. Fonte: Glassnode

Allargando la visuale, è possibile vedere che nonostante un aumento delle riserve di BTC sugli exchange durante la giornata, la quantità di Bitcoin disponibili rimane molto inferiore a sei mesi fa. Le riserve di Coinbase, per esempio, sono scese del 20% solo da dicembre.

Grafico delle riserve di BTC di Coinbase
Grafico delle riserve di BTC di Coinbase. Fonte: Glassnode

La difficile strada verso il “destino” a 70.000$

Un’altra cattiva notizia per i rialzisti, i funding rate sugli exchange hanno assistito al picco più grande dal 23 febbraio, indicando che le posizioni short potrebbero ancora essere proficue.

Grafico dei funding rate di Bitcoin
Grafico dei funding rate di Bitcoin. Fonte: Bybt

I dati confermano le conclusioni degli analisti, tra cui il collaboratore di Cointelegraph filbfilb. La scorsa settimana ha affermato che le differenze tra funding rate sulle piattaforme di trading stavano ostacolando la narrativa generale di un’imminente mossa più ampia per i mercati di BTC.

Dato che l’attuale contesto macro è così rialzista per BTC, a nostro avviso conviene pazientare e non venire liquidati su intervalli brevi quando mosse più significative sono probabilmente dietro l’angolo,” hanno spiegato in un aggiornamento.

Lo stesso filbfilb mira a un massimo locale di 70.000$ o più, descrivendolo come il “destino” di Bitcoin. Tuttavia, la strada che porta a questo obiettivo comporterà molta più turbolenza rispetto al rialzo che ha spinto Bitcoin oltre i 50.000$.

In un commento sul suo canale di trading su Telegram, ha menzionato l’impatto dell’acquisto di Bitcoin realizzato da Tesla come un esempio della traiettoria verticale che non si presenterà nello scenario attuale.

Un’altra cosa, non credo che il prezzo esploderà come ha fatto con la candela di Elon… probabilmente stavolta sarà molto più caotico,” ha scritto.



Source link

Bitcoin colmerà il cosiddetto CME gap?

Enorme attacco hacker a Microsoft Exchange Server